Iran, uccisa la “ragazza della coda” simbolo delle proteste contro il velo: Hadith Najafi «colpita da 6 proiettili»

Aveva 20 anni ed era diventata simbolo della protesta contro l'obbligo di indossare il velo in Iran

Iran, uccisa la “ragazza della coda” simbolo delle proteste contro il velo: «Hadith colpita da 6 proiettili»

Lunghi capelli biondi raccolti con un elastico e niente velo. Questa la sua "provocazione", questa la sua condanna a morte. Hadith Najafi, la ragazza simbolo delle proteste in Iran dopo l'uccisione di Masha Amini, è stata uccisa dalle forze di sicurezza iraniane ieri sera durante le proteste nella città di Karaj, vicino a Teheran.

Iran, uccisa la "ragazza dalla coda" 

Aveva 20 anni e con quello che può sembrare un semplice gesto come legarsi i capelli con un laccio per chiunque in Iran era diventata simbolo delle proteste contro l'obbligo del velo, era ormai chiamata la "ragazza dalla coda". In rete sono diversi i video in cui Hadis si vede nelle manifestazioni mentre si lega i capelli. La giovane secondo quanto si legge su Twitter sarebbe stata raggiunta da sei proiettili. «Sua sorella mi ha detto che aveva solo 20 anni ed è stata uccisa da 6 proiettili nella città di Karaj»

In Iran la rivolta nata dopo la morte di Mahsa Amini, deceduta lo scorso 16 settembre a Teheran mentre era detenuta dall'apparato disciplinare iraniano per non avere indossato correttamente il velo islamico, prosegue. 

 

Ultimo aggiornamento: Lunedì 26 Settembre 2022, 14:07
© RIPRODUZIONE RISERVATA