Iran, Nazanin Zaghari-Ratcliffe rilasciata dopo 5 anni di prigione ma spunta una nuova accusa

Iran, Nazanin Zaghari-Ratcliffe rilasciata dopo 5 anni di prigione ma spunta una nuova accusa

Nazanin Zaghari-Ratcliffe, la donna anglo-iraniana per cinque anni detenuta in Iran dopo essere stata condannata per spionaggio, è stata liberata dopo aver finito di scontare la pena. Tuttavia, non potrà lasciare l'Iran ma dovrà comparire nuovamente domenica prossima davanti al tribunale rivoluzionario di Teheran per rispondere a una nuova accusa, non ancora specificata. Lo ha detto all'agenzia Irna il suo avvocato, Hojjat Kermani. La sua storia nel giorno della Festa della Donna

 

Leggi anche > Ilenia Fabbri, il killer 53enne Barbieri 'lo Zingaro' confessa: «L'ho uccisa io»

 

Come ricorda il Guardian, Nazanin Zaghari-Ratcliffe, dipendente della Fondazione Thomson Reuters condannata a suo tempo a Teheran per un caso presunto di spionaggio - nell'ambito di un processo assai controverso - era stata arrestata nel 2016 durante un viaggio nel Paese d'origine. Alcuni mesi fa, a causa dei rischi di contagio da Covid-19, era stata trasferita dal carcere agli arresti domiciliari presso l'abitazione dei genitori a Teheran, ma con l'obbligo di portare un braccialetto elettronico alla caviglia.

 

La deputata laburista britannica Tulip Siddiq, eletta nel collegio della zona in cui la famiglia della donna vive e in contatto con il marito di lei, Richard Ratcliffe, ha detto che il braccialetto elettronico è stato rimosso oggi. La nuova convocazione davanti alla Corte rivoluzionaria di Teheran era stata preannunciata nei giorni scorsi dal portavoce dell'apparato giudiziario iraniano, che però non aveva precisato quale fosse la nuova accusa né la data dell'udienza. La donna si dichiara da sempre innocente, mentre anche il governo di Londra contesta le accuse iraniane. Il ministro degli Esteri britannico Dominic Raab, ha definito "crudele e intollerabile" il trattamento inflitto alla donna e ha intimato all'Iran di restituirle definitivamente la libertà affinché possa tornare nel Regno Unito da marito e figli. 


Ultimo aggiornamento: Lunedì 8 Marzo 2021, 13:50
© RIPRODUZIONE RISERVATA