Manca la benzina, è caos in Inghilterra: assalto ai distributori, uomo minaccia con un coltello gli altri automobilisti

Manca la benzina, è caos in Inghilterra: assalto ai distributori, uomo minaccia con un coltello gli altri automobilisti

È caos in Inghilterra per la benzina: le quantità di carburante sono troppo scarse e la crisi dei trasporti aumenta, unitamente alla scarsità di camionisti che trasportano carburante. Dopo che il colosso inglese dei carburanti, Bp, ha diminuito l’erogazione della benzina e del gasolio, alcune stazioni di servizio sono state chiuse e, altre, prese d'assalto. 

 

Lunedì 27 settembre, infatti, si è verificata una situazione insolita: code infinite ai distributori, migliaia di persone ferme a bordo della loro auto e tensione alle stelle. Tanto che alcune immagini diffuse sul web riportano un automobilista con un coltello che minaccia un altro auotmobilista fuori da una stazione di servizio a Welling, nel sud-est di Londra (UK). L'uomo è stato filmato mentre urlava contro l'autista attraverso il finestrino per poi correre al lato del guidatore e prendere a calci l'auto, causando alcuni danni allo specchietto retrovisore. Infine, si è disteso sul cofano minacciando con l'arma l'autista. 

 

Il fatto è riportato sul The Sun dove è esplicitato che la polizia ha confermato di essere stata chiamata sul posto questo pomeriggio dopo che i due automobilisti hanno iniziato a litigare. Le indagini sono ancora in corso.

Un portavoce della polizia metropolitana ha dichiarato a The Sun Online: «La polizia è stata chiamata alle 14:37 di lunedì 27 settembre per le segnalazioni di un disturbo che ha coinvolto due automobilisti fuori da un'officina di benzina in Bellegrove Road, Welling. Gli agenti sono intervenuti e non hanno trovato traccia di nessuno dei due veicoli. Non sono stati segnalati feriti e non sono stati identificati sospetti. Siamo a conoscenza di filmati online che sembrano mostrare l'incidente e li esamineremo come parte delle nostre indagini in corso». 

 

Un episodio simile è avvenuto nel pomeriggio di ieri nell'Essex, Inghilterra: è scoppiata una rissa a Epping, mentre gli automobilisti litigavano tra le code dei conducenti che rubavano benzina.

Cinque uomini, tre dei quali indossavano la divisa catarifrangente, si sono presi a pugni mentre le altre persone in fila suonavano il clacson, impazienti di riempire i serbatoi. Nella clip si vedono gli automobilisti sdraiati l'uno sull'altro di fronte a conducenti e passanti scioccati.

 

Secondo l'Health and Safety Executive, si può conservare legalmente fino a 30 litri di benzina in casa senza informare le autorità competenti. Ciò significa che i britannici che accumulano molta più benzina e la nascondono in casa in taniche chiuse potrebbero infrangere la legge. Le regole dicono che solo 20 litri di benzina possono essere conservati in una tanica di metallo a casa, in un capannone o in un garage. E non più di 10 litri possono essere tenuti in contenitori alternativi di plastica.

Se i britannici detengono più di questa quantità, devono avvisare la loro Petroleum Enforcement Authority (PEA) locale per iscritto, fornendo nome e l'indirizzo del luogo di archiviazione. Ma questo non sempre viene rispettato, come è accaduto ad una donna, vista mentre svuotava le bottiglie d'acqua per poi riempirle di benzina mentre, dietro di sé, c'era una coda di 30 minuti di autisti disperati.

«Non potevo credere a quello che stavo vedendo - ha commentato un automobilista -. Ho pensato 'Non posso credere alla stupidità di questa donna'». E altri: «Questo è un tipico atteggiamento che causa il problema. Le persone riempiono cose che non dovrebbero e nessun altro può ottenere il carburante a causa della stupidità di altre persone. La coda era ferma lungo la rampa di accesso. Abbiamo fatto la fila per circa 20-30 minuti».

 


Ultimo aggiornamento: Martedì 28 Settembre 2021, 10:36
© RIPRODUZIONE RISERVATA