Influencer saudita sfugge a rapimento negli Usa: «Io come Khashoggi. Non criticherò più il principe»

Influencer saudita sfugge a rapimento negli Usa: «Io come Khashoggi. Non criticherò più il principe»
Stavano per sequestrarlo, come Jamal Khashoggi, ucciso il 2 ottobre del 2018 nel consolato saudita ad Istanbul: ma Abdulrahman Almutairi, comico e influencer saudita di 27 anni ed ex studente all'Università di San Diego, è riuscito a salvarsi grazie all'intervento dell'Fbi. Lo ha raccontato lo stesso Almutairi, influencer con una grande presenza sui social media (dove non ha risparmiato critiche al principe ereditario Mohammad bin Salman) in un'intervista al Daily Beast in esclusiva.

Leggi anche > Luca Sacchi, le chat con Anastasiya. «La mia vita fa schifo da quando ci sei tu»

L'influencer sarebbe sfuggito ad un tentativo di rapimento negli Stati Uniti da un agente inviato da Riad proprio per via delle sue critiche al principe ereditario, ha detto nell'intervista. Tutto sarebbe partito da un saudita che avrebbe seguito il padre di Almutairi sullo stesso volo, per raggiungere Abdulrahman e costringerlo con la forza a rientrare nel Regno. «Il governo saudita aveva capito che rappresentavo una minaccia. Se fossi tornato in Arabia Saudita, mi avrebbero ucciso in aeroporto», ha affermato.

Leggi anche > «Qui ci sono ebrei»: la scritta choc sulla porta del figlio di una deportata

Solo l'intervento tempestivo dell'Fbi ha impedito il piano, hanno riferito due fonti citate dal Daily Beast. Agnes Callamard, la relatrice speciale delle Nazioni Unite per le uccisioni extragiudiziarie e che ha indagato sulla morte di Khashoggi, ha detto al Daily Beast di ritenere credibile la vicenda di Almutairi, dicendo che rientra in una terribile «tendenza delle autorità saudite, soprattutto negli ultimi due anni, a colpire persone di alto profilo che sono molto ascoltate tra i sauditi - ha detto - sia perché sono critiche rispetto a Mbs o al governo, sia perché non hanno mostrato sufficiente supporto» alle autorità.



Almutairi aveva già denunciato di essere finito nel mirino del governo saudita per le sue critiche, ma ora teme per la sua vita e ha deciso da più di un anno di non parlare con la famiglia, per tutelarla. L'unico dato positivo, dice ora, è essere tornato come comico sui social media, dove vanta 200mila abbonati sui canali di YouTube e 208mila follower su Instagram. Ma nel nuovo anno, ha detto Almutairi al Daily Beast, non parlerà più male del governo saudita. «Le mie critiche rispetto al governo non avranno alcun effetto. Porteranno solo più persone contro di me - ha detto - Sto cercando di non definirmi 'dissidente politico'. Voglio influenzare il mio Paese per il meglio». 

Ultimo aggiornamento: Venerdì 24 Gennaio 2020, 17:05
© RIPRODUZIONE RISERVATA