Incendio a Notre-Dame: tutto quello che sappiamo finora

di Simone Pierini
Incendio a Notre Dame: tutto quello che sappiamo finora. «Abbiamo sentito l'allarme alle 18.30, lo abbiamo identificato e riconosciuto subito perché avevamo effettuato pochi giorni fa un'esercitazione antincendio. Molto rapidamente, abbiamo visto una nuvola di fumo grigio e giallognolo alzarsi dall'edificio». È quanto ha affermato il portavoce della cattedrale di Notre Dame, André Finot, che a Le Parisien a ricostruiti gli istanti in cui è divampato il rogo ha sconvolto la Francia. Secondo le prime indicazioni, l'incendio si sarebbe sviluppato da un'impalcatura presente sul posto per i lavori di restauroCollassata la guglia principale della chiesa: il fumo è visibile da tutta Parigi, centinaia di persone attonite sono radunate nelle zone attorno alla cattedrale. Molti intonano canti, altri pregano. Tante persone, invece, in lacrime osservano il rogo. Sono 400 i pompieri impegnati nelle operazioni.

Notre-Dame in fiamme, la vignetta con Quasimodo dell'artista Cristina Correa Freile simbolo del dolore

Notre-Dame brucia, il teatro La Fenice: «Noi assaliti due volte dal fuoco, risorti più forti di prima»​

Parigi, pauroso incendio a Notre Dame: distrutta la cattedrale​



Sempre secondo Finot «non rimarrà nulla della struttura in legno». Lo ha detto ai giornalisti francesi il portavoce di Notre-Dame, Andre Finot, parlando del devastante incendio che ha colpito la cattedrale. Salve invece tutte le opere d'arti. «Il tesoro della cattedrale è intatto. La corona di spine, i santi sacramenti». Lo ha riferito il giornalista di 'Liberation', Nicolas Delesalle, secondo quanto percepito dalle indicazioni un prete presente sul posto. 

BRUCIA NOTRE DAME, il terribile momento del crollo della guglia​

COME SI STA ALIMENTANDO L'INCENDIO
«Guardando la nube che si sta sollevando dalla cattedrale di Notre Dame, si può comprendere che il vento, anzi l'ossigeno, sta facendo la sua parte per alimentare le fiamme, insieme alle strutture lignee che sono molto secche nella cattedrale». Lo ha affermato all'Adnkronos il responsabile della sede di Sassari dell'Istituto di biometeorologia del Consiglio nazionale delle ricerche, Pier Paolo Duce. «È un pò come quando si soffia su un camino per rendere più vivace la fiamma» ha aggiunto l'esperto del Cnr. 
 
 


PERCHÈ I CANADAIR NON SONO UTILIZZABILI
Si è pensato di domare le fiamme dall'alto, ma l'ipotesi è stata scartata. È da escludere infatti l'impiego di Canadair. La direzione generale della sicurezza civile, su Twitter, ha spiegato che «il getto d'acqua su questo tipo di edificio potrebbe senza dubbio portare al collasso dell'intera struttura».

Stefano Accorsi e la "sua" Parigi in fiamme: «Povera Francia...»​

COME SI PROPAGA IL FUOCO CON IL LEGNO
«La velocità media di propagazione del fuoco sul legno è di 0,7 millimetri al minuto, ma essa dipende in misura determinante da elementi quali la specie legnosa, la massa volumica, l'umidità e altri fattori fisico-chimici». Lo ha spiegato la ricercatrice de Cnr-Ibimet, Giovanna Bochicchio. «Nel caso di copertura a capriata, in particolare, la struttura reticolare delle fa sì che le travature vengano attaccate dalle fiamme su tutti e quattro i lati, riducendo la sezione residua e aumentando notevolmente il rischio di crolli» ha aggiunto ancora Bochicchio. Secondo l'analisi di Andrea Polastri del Cnr-Ibimet, inoltre, «l'enorme perdita causata da questo incendio invita a riflettere sul fatto che le strutture portanti in muratura di tanti edifici monumentali, come per esempio gli archi a sesto acuto di una cattedrale gotica, spesso sorreggono coperture lignee non sempre a vista di dimensioni talvolta enormi». «Si tratta di una scelta - ha aggiunto ancora Polastri - che infiniti esempi di longevità, come quello stesso di Notre Dame, confermano nella sua funzionalità: purtroppo però, in caso di incendio, la disponibilità di ossigeno che le fiamme trovano in quota ne accelerano la propagazione».
Lunedì 15 Aprile 2019, 22:32
© RIPRODUZIONE RISERVATA