Il patrigno costringe la figlia 12enne a prostituirsi per comprare le sigarette, arrestato

Il patrigno costringe la figlia 12enne a prostituirsi per comprare le sigarette, arrestato

Vende la figlia di 12 anni ad alcuni passanti per potersi comprare un pacchetto di sigarette. L'elettricista, identificato solo come Thomas S, 49 anni, avrebbe costretto la figlia minore a prostituirsi in un autogrill della città tedesca di Schweinfurt.

 

Leggi anche > Mamma uccide i gemellini di 6 settimane e dorme per giorni con i loro cadaveri: «Erano troppo impegnativi»

 

L'uomo ha chiesto 5 euro ad alcuni conducenti per potersi comprare le sigarette, in cambio ha offerto loro la figlia e ha anche chiesto se poteva filmare quello che succedeva. L'uomo è stato denunciato da un camionista, a cui era stato offerta la bambina. Il conducente ha spiegato alla polizia quello che stava accadendo e sono subito scattate le indagini che hanno portato all'arresto del 49enne. Subito dopo la chiamata, i poliziotti hanno catturato e arrestato Thomas, che era seduto in un'Audi con la ragazza.

 

La polizia nel corso delle indagini, come riporta il Sun, ha scoperto che la madre biologica della ragazza Brigitte K, 39 anni, era a conoscenza di ciò che stava accadendo ed è stata anche arrestata. L'uomo, che in realtà non era il padre biologico della bambina ma solo il compagno della madre, è stato arrestato ed è ora in attesa di processo. Il papà della piccola aveva lasciato che la mamma prendesse la sua custodia e da allora pare si fosse disinteressato alla figlia. La giovanissima vittima è stata affidata a un orfanotrofio e si trova in terapia a causa dei forti traumi psicologici subiti. 


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 28 Aprile 2021, 21:21
© RIPRODUZIONE RISERVATA