Il 13enne diventato imprenditore grazie all'allevamento di pecore: «Ho realizzato il mio sogno con determinazione»

Il 13enne diventato imprenditore grazie all'allevamento di pecore: «Ho realizzato il mio sogno con determinazione»

Lo spirito imprenditoriale e la forza di volontà non conoscono distinzioni d'età. La storia di questo ragazzo di 13 anni, diventato imprenditore nel settore dell'allevamento, lo dimostra chiaramente: nel giro di un anno, questo adolescente si è affermato con la sua piccola azienda. E pensare che tutto era nato con l'affitto di un piccolo appezzamento di terreno.

 

Leggi anche > Scuola, la Gran Bretagna chiude tutte le elementari: marcia indietro del governo

 

 

Si chiama William Banham e vive a Long Bredy, piccolissimo villaggio nel mezzo del Dorset, in Inghilterra. La sua storia è raccontata anche dal Telegraph: questo ragazzo, all'età di 12 anni, aveva deciso di realizzare il proprio sogno, quello di iniziare ad allevare pecore in un fazzoletto di terra, affittato da un vicino di casa. Qui, dopo un piccolo investimento realizzato grazie all'aiuto della famiglia, William ha iniziato ad allevare otto agnellini, nutrendoli e crescendoli nel corso dei mesi.

 

«Sono sempre stato determinato nel voler lavorare per me stesso e non per qualcun altro» - racconta il ragazzo - «Sapevo che l'obiettivo finale era quello di portare le pecore al macello per ottenerne la carne, quindi ho sempre cercato di dare loro la miglior vita possibile. Purtroppo le cose vanno così, ma vi assicuro che nessuna parte dell'animale verrà sprecata».

 

La passione per l'allevamento, in William, è iniziata quando aveva appena sei anni. Un vicino allevatore lavorava tutto il giorno e lui lo seguiva con grande interesse, cercando di carpire tutti i segreti di quella professione. Ed ora, dopo oltre un anno di duro lavoro, questo ragazzo di 13 anni inizia a raccogliere i frutti: la carne di pecora è già stata venduta ed ha ottenuto grandi apprezzamenti da parte dei consumatori. La mamma, Caroline, non può che dirsi orgogliosa di lui: «Si alzava tutti i giorni alle 6 di mattina, compresi i mesi del lockdown. Se fosse per lui, starebbe lì anche per 14 ore al giorno. Ha dimostrato di essere un ragazzo responsabile e volenteroso, decisamente diverso rispetto ai suoi coetanei: i suoi amici dicono che è sempre stato un vecchio saggio nel corpo di un ragazzino. Ha fatto tutto da solo e ora iniziano a vedersi i risultati, non possiamo che essere fieri di lui, che ha sempre saputo ottenere ciò che vuole».


Ultimo aggiornamento: Sabato 2 Gennaio 2021, 20:31
© RIPRODUZIONE RISERVATA