Ikea, sbagliano a pagare alle casse automatiche e vengono arrestati. Il racconto choc di una ragazza
di Domenico Zurlo

Ikea, sbagliano a pagare alle casse automatiche e vengono arrestati. Il racconto choc di una ragazza

  • 366
    share
Sbagliano un pagamento alle casse automatiche dell'Ikea e vengono arrestati: è l'incredibile vicenda capitata alla 21enne Emilie Guzzo e a suo papà, in Francia, a Strasburgo, dove i due si sono ritrovati per diverse ore in commissariato, rinchiusi in due celle separate come due criminali. La loro 'colpa' è quella di essere stati superficiali: un errore alle casse self-service è costato un'accusa di furto. Ma Emilie, dopo l'incredibile vicenda, ha incassato almeno le scuse del gruppo svedese.

Fabrizio Frizzi, Carlo Conti dopo la sua morte non è più la stessa persona: come è cambiata la sua vita​
«L'Etna sta scivolando nello Ionio»: le cause in fondo al mare. E si teme uno tsunami



Il pezzotto, il decoder pirata (da 12 euro al mese) per vedere tutta la tv del mondo

COS'È ACCADUTO I fatti risalgono allo scorso primo ottobre: Emilie e suo padre sono andati all'Ikea per acquistare degli oggetti, e una volta alle casse hanno scannerizzato gli articoli acquistati. Tra questi vi erano anche dei barattoli in vetro per la conservazione del cibo: ma ciò che la ragazza non sapeva è che per questo particolare tipo di prodotto ci sono due codici a barre da scannerizzare, uno sul barattolo e uno sul coperchio. Lei non vede il secondo codice a barre, e convinta di aver pagato tutto, insieme al papà si dirige verso l'uscita.
Ma le cose vanno male: con loro grande sorpresa, all'uscita vengono intercettati dalla Security. Dopo qualche istante padre e figlia capiscono l'errore e si scusano, e si propongono di andare a pagare la cifra rimanente, equivalente al costo dei coperchi: ma la sicurezza non vuole sentire ragioni e porta entrambi dal direttore, che con dubbia sensibilità si rivolge alla povera Emilie e le dà della ladra. Il direttore chiede ai clienti di firmare una dichiarazione di furto: il papà infuriato si rifiuta, così il responsabile dell'Ikea telefona al Pronto Intervento. Arriva la Polizia.
In commissariato se possibile succede anche di peggio, almeno stando al racconto di Emilie: la ragazza viene invitata a togliersi il reggiseno «davanti a tutti» e a togliere i lacci dalle scarpe. I due vengono rinchiusi in celle separate, come criminali o terroristi: la ragazza è in lacrime, una poliziotta prova compassione e libera entrambi.
Emilie ha raccontato tutto questo sui suoi profili social, e l'indignazione sul web ha fatto il giro della Francia: come si può arrivare a far arrestare qualcuno per qualche coperchio non pagato per errore? Dopo la rilevanza ottenuta dal post di Emilie, sono arrivate comunque le scuse di Ikea.

Venerdì 12 Ottobre 2018 - Ultimo aggiornamento: 13-10-2018 17:58
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 9 commenti presenti
2018-10-14 09:24:54
Credetemi,la Francia e’un paese davvero “strano”per usare un eufemismo,il loro nervosismo e’disarmante..
2018-10-13 11:11:18
Allora mettessero in galera anche quello che ha abbattuto il suo cane dopo averlo abbandonato perché era ritornato a casa ferito strisciando...Lui e il suo amico veterinario!!!
2018-10-13 06:18:38
Innanzitutto cercate su internet "Vol qualifié dans un dépanneur : Arrestation de la femme" del sito zone911. La foto è di un arresto per droga avvenuto in Quebec, e la ragazza a cui ha sovrapposto il capoccione in modo maldestro è completamente diversa.
2018-10-13 00:52:31
È vero è un foto montaggio🤤ma quando ho letto l'articolo non c'erano le foto
2018-10-12 13:52:06
Ma avete visto che è un fotomontaggio, un orribile fotomontaggio? Per farsi pubblicità fanno di tutto
DALLA HOME