Porta a termine la gravidanza per donare gli organi della figlia destinata a morire. Ma la bimba nasce troppo piccola

Porta a termine la gravidanza per donare gli organi della figlia destinata a morire. Ma la bimba nasce troppo piccola

Sapeva che sua figlia non sarebbe sopravvissuta alla nascita, ma decide di portare a termine la gravidanza perché potessero essere donati i suoi organi. Per Hayley Martin e suo marito, di Hull, East Yorkshire, Regno Unito, però, è arrivata un'altra cattiva notizia, proprio dopo la morte della piccola Ava-Joy.



La bimba ha combattuto per 96 minuti dopo la sua nascita per sopravvivere, ma come medici e famiglia sapevano già, ha perso la sua battaglia. Affetta da agenesia renale  non è riuscita a sopravvivere: la malattia non permette uno sviluppo regolare dei reni e del fegato, inoltre il poco liquido amniotico non ha consentito un regolare sviluppo dei polmoni. Per questi motivi la bimba era troppo piccola perché i suoi organi potessero essere validi per delle donazioni.

LEGGI ANCHE -----> Sua figlia morirà dopo la nascita, mamma porta a termine la gravidanza: "Lo faccio per donare gli organi"

«Quando abbiamo scoperto che aveva appena il peso di un pacchetto di patatine  e che i suoi organi non potevano essere donati nemmeno ai bimbi piccoli siamo rimasti devastati», ha spiegato la mamma al Daily Mail, «Sarebbe stato così bello se anche nella sua brevissima vita avesse potuto salvare un altro bambino». Ora la famiglia sta cercando di superare il dramma, distrutta dal dolore ma felice di aver passato almeno qualche minuto con la loro figlia. «Ora ho intenzione di donare un rene in suo onore», ha concluso la donna.
 
Ultimo aggiornamento: Lunedì 22 Gennaio 2018, 16:22
© RIPRODUZIONE RISERVATA