Guerra nucleare, quante vittime potrebbe causare? L'inquietante studio che analizza tutti gli scenari

Le stime sono apocalittiche, ma gli impatti sono incerti e variabili a seconda delle proporzioni del conflitto

Guerra nucleare, quante vittime potrebbe causare? L'inquietante studio che analizza tutti gli scenari

Quanti morti potrebbe causare una guerra nucleare? La risposta è incerta e relativa, perché dipenderebbe anche dalle proporzioni del conflitto atomico. Ma uno studio ha provato a quantificare l'impatto che avrebbe sul mondo e, come ci si potrebbe aspettare, le stime sono apocalittiche.

«Cosa fare in caso di guerra nucleare»: la città di New York pubblica il video-tutorial

Guerra nucleare, lo studio sugli effetti

A realizzare lo studio che ha provato a calcolare e stimare gli effetti di una guerra nucleare sono stati alcuni ricercatori della Rutgers University, nel New Jersey. Il team, composto anche da climatologi e coordinato dalla dottoressa Lili Xia, ha cercato di stimare non solo l'impatto immediato della deflagrazione atomica, ma anche gli effetti a lungo termine sulla salute umana e sulla produzione agricola globale. Lo studio è stato pubblicato su Nature Food.

Guerra nucleare, la stima apocalittica

I ricercatori hanno anche provato a stimare l'impatto di vari conflitti nucleari tra superpotenze atomiche, con diverse proporzioni. Cinque scenari riguardano guerre di varie dimensioni tra India e Pakistan, un sesto quella tra Stati Uniti e Russia. I calcoli sono stati realizzati in base alle dimensioni dell'arsenale atomico di ogni Paese e, in seguito, le stime si sono basate sulla produzione agricola di ogni Paese. Una cosa è certa: da quella più ridotta a quella su scala più vasta, una guerra nucleare impatterebbe sull'ecosistema e ridurrebbe la produzione di cibo globale. Nello scenario meno peggiore (guerra di proporzioni ristrette tra India e Pakistan) la produzione di cibo mondiale si ridurrebbe del 7% nei cinque anni seguenti. Nello scenario peggiore, invece, la riduzione potrebbe essere del 90% per almeno tre-quattro anni. Tra impatti diretti e indiretti, un conflitto nucleare su larga scala tra superpotenze atomiche metterebbe seriamente a rischio la vita di almeno cinque miliardi di persone in tutto il mondo.

Zaporizhzhia, scambio di accuse fra Mosca e Kiev: entrambe denunciano attacchi alla centrale nucleare

Russia, l'elite negozia la pace con l'Occidente alle spalle di Putin: «Piegati dalle sanzioni, basta guerra»

Guerra nucleare, gli impatti sul mondo

Secondo lo studio, la riduzione delle coltivazioni sarebbe particolarmente grave nelle alte e medie latitudini, compresi Russia e Stati Uniti, che sono grandi esportatori di generi alimentari. L'impatto sarebbe devastante in diversi Paesi importatori dell'Africa e del Medio Oriente. Nello scenario peggiore delineato dai ricercatori, più del 75% della popolazione mondiale soffrirebbe gravi carestie e la produzione agricola attualmente destinata agli animali potrebbe essere utilizzata per sfamare le persone. Si tratta però solo di una stima preliminare, che non tiene conto di altre conseguenze che andrebbero studiate in maniera più dettagliata. «Una guerra nucleare distruggerebbe anche lo strato di ozono, per via del calore. La conseguenza sarebbe una maggiore radiazione ultravioletta sulla superficie terrestre. Questo potrebbe ulteriormente aggravare il riscaldamento globale, ma l'impatto di questo scenario sulla produzione alimentare andrebbe indagato più a fondo», ha spiegato la dottoressa Lili Xia.


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 17 Agosto 2022, 10:03
© RIPRODUZIONE RISERVATA