Gruppi pro Trump e di estrema destra dietro i complottisti sul coronavirus: lo studio

Gruppi pro Trump e di estrema destra dietro i complottisti sul coronavirus: lo studio

Gruppi pro Trump e di estrema destra dietro i complottisti: lo studio. Vi sarebbe un'attività sistematica di gruppi pro-Trump, repubblicani e QAnon, i teorici di estrema destra che ipotizzano una trama segreta organizzata da un presunto 'Stato ombra' anti-Trump, dietro il dilagare sui social delle teorie 'complottiste' sul coronavirus che lo identificano come un'arma biologica. Ad affermarlo gli studiosi della Queensland University of Technology australiana guidati da Timothy Graham, docente di media digitali e comunicazione. La teoria, bizzarra quanto virale, sarebbe stata amplificata senza limiti a mezzo Twitter attraverso azioni «coordinate» dei gruppi in questione. Partendo dall'avvertimento dell'Organizzazione Mondiale della Sanità sui pericoli di una 'infodemia', gli studiosi della Queensland hanno iniziato a ricercare evidenze di una diffusione sistematica delle fake news.

Leggi anche > Donald Trump chiede a Melania un sorriso per la stampa: la sua espressione forzata diventa virale

Leggi anche > Zaia e la soluzione anti complottisti: «Un warning, se poi vanno in ospedale gli si domanda se lo sono ancora»

Il team di ricerca ha esaminato in un arco di 10 giorni 2,6 milioni di tweet e 25,5 milioni di retweet, che utilizzavano hashtag correlati al coronavirus. «Ci siamo concentrati su quali tipi di narrativa e di teorie del complotto vengono ingranditi o amplificati attraverso gli account che li retwittano», spiega il docente -. Applicando metodi di rilevamento basati sull' 'astroturfing', una tecnica di marketing volta a creare a tavolino un consenso fintamente proveniente dal basso, i ricercatori hanno analizzato gli account Twitter che hanno ritwittato argomenti sul coronavirus entro un minuto o entro un secondo l'uno dall'altro, scoprendo che provenivano da account robotizzati.

Leggi anche > Complottista contagiato dal Covid-19 finisce in terapia intensiva con la moglie e si pente: «Attenti a cosa leggete sul web»

L'analisi ha poi rivelato l'estensione di retweeting coordinati sul coronavirus con un focus politico, da parte di account sia umani che robotizzati. Lo studio si è particolarmente concentrato sui tweet che sostengono la tesi secondo cui il governo cinese avrebbe fabbricato il virus come «arma biologica», tra i più frequenti. Su 30 sospetti cluster simili a troll analizzati manualmente, 28 sono stati identificati come account pro Trump, Make America Great Again (MAGA) o QAnon, i teorici di un 'Deep State' che cospirerebbe contro il presidente degli Stati Uniti.


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 3 Giugno 2020, 15:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA