Greta Thunberg, il vicepremier ungherese: «È una bambina malata, sfruttata da altri»

Greta Thunberg, il vicepremier ungherese: «È una bambina malata, sfruttata da altri»

«L'ambientalista Greta Thunberg è una bambina malata, sfruttata da alcuni»: lo ha detto in una conferenza stampa il vice premier d'Ungheria Gergely Gulya replicando alle accuse di «indifferenza» nei confronti del clima venute da manifestazioni Fridays for Future senza precedenti svoltesi oggi a Budapest e in altre 14 città. Lo riportano media ungheresi tra cui l'agenzia Mti. «Il problema è sovradimensionato», ha sostenuto ancora il vice di Orban riferendosi al riscaldamento climatico.

Leggi anche > Fridays For Future, Potito è il bambino che manifesta da solo in piazza per il clima: «Mamma, vado perché...»



Greta nei giorni scorsi aveva raccontato di avere la sindrome di Asperger, chiarendo di non averne parlato spesso in pubblico perché «molta gente ignorante la vede ancora come una malattia». L'attivista, al contrario, aveva parlato di una sorta di «superpotere». E proprio l'indifferenza del governo ungherese per le questioni climatiche oggi ha prodotto manifestazioni senza precedenti nel paese, decisamente più massicce di quelle di venerdì scorso. In migliaia hanno hanno partecipato alla marcia di Budapest, rispondendo all'appello di un'organizzazione ambientalista. I manifestanti erano circa 5.000, secondo la polizia.
 

I partiti democratici (socialisti, verdi, democratici e di centro) hanno appoggiato la manifestazione a cui hanno partecipato soprattutto giovani e studenti. Molte scuole medie hanno aderito in blocco, sospendendo le lezioni. La marcia è partita dal ponte delle Catene ed è confluita nella piazza davanti al Parlamento. Durante la dimostrazione sono stati pronunciati discorsi critici verso l'«indifferenza» per l'ambiente che sarebbe stata dimostrata dal governo del premier Viktor Orban. «Non rubate il nostro futuro», era scritto su alcuni cartelloni. La difesa della natura, la lotta contro il cambiamento climatico è una responsabilità globale, hanno sottolineato gli oratori. In Consiglio europeo il governo Orban ha votato contro il piano sull'addio al carbone nell'Ue entro 2050.
 

Venerdì 27 Settembre 2019, 18:09
© RIPRODUZIONE RISERVATA