«Questa zona è libera dai gay»: la risoluzione choc che fa discutere

«Gay free zone»: la risoluzione choc in Polonia che fa discutere

Più di 100 città e regioni in Polonia hanno già approvato una serie di risoluzioni che dichiarano "zone libere dall'ideologia LGBTI" . In pratica, una zona "gay free". Sebbene la decisione sia di natura simbolica, il dibattito aperto ha sollevato il confronto nel paese ed è arrivato anche di recente per volere dell'Unione europea. La maggior parte di queste risoluzioni, iniziate nel 2019, sono state approvate principalmente nelle zone rurali e su iniziativa delle autorità locali che hanno sostenuto dichiarazioni in difesa della famiglia tradizionale e contro quella che considerano un'ideologia perniciosa.

Nonostante il fatto che la Polonia abbia depenalizzato l'omosessualità nel 1932, molto prima della maggior parte degli altri paesi europei, politici come il presidente del paese, Andrzej Duda, o figure della Chiesa cattolica polacca si sono schierati contro ciò che chiamano " Un'ideologia aggressiva che promuove l'omosessualità ", racconta alla BBC Tomasz Sakiewicz, direttore delle riviste che si dedicano alla distribuzione di adesivi con una bandiera arcobaleno attraversata da una croce nera in segno di rifiuto. Lo stesso Duda ha affermato che promuovere i diritti LGBT è stato " ancora più distruttivo" del comunismo , mentre l'arcivescovo di Cravocio ha messo in guardia contro la piaga "neo-marxista" delle bandiere arcobaleno ".

Swidnik , un comune della Polonia orientale di poco più di 40.000 abitanti, è stato il primo a dichiararsi "zona libera da LGBT". Lì, riferisce la BBC, ci sono ancora scontri tra attivisti per i diritti dei gay e coloro che cercano di zittirli. "La guerra non riguarda più carri armati e missili. Un paese viene distrutto creando il caos. Ed è quello che questi gay stanno cercando di fare", dice un uomo che protesta contro gli omosessuali.

Bart Staszewski , portavoce e attivista omosessuale, sostiene ai media britannici che questi atteggiamenti hanno costretto molti polacchi gay, lesbiche, bisessuali e transgender a emigrare per sfuggire a questa persecuzione. Il dibattito è arrivato anche alle istituzioni europee a metà di questo mese. "Essere te stesso non è la tua ideologia: è la tua identità e nessuno te la può togliere . Le aree senza LGTBI sono aree senza umanità e non hanno posto nella nostra Unione", ha detto il presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen. , durante il suo primo discorso sullo stato dell'Unione


Ultimo aggiornamento: Sabato 26 Settembre 2020, 17:40
© RIPRODUZIONE RISERVATA