Funghi allucinogeni per curare la depressione? «Come il Prozac, ma con meno effetti collaterali»

Funghi allucinogeni per curare la depressione? «Come il Prozac, ma con meno effetti collaterali»

In futuro la psilocibina, sostanza psichedelica che si trova nei funghi allucinogeni, potrebbe essere utilizzata per curare la depressione. Un nuovo studio ha infatti dimostrato che il composto ha avuto la stessa efficacia di un antidepressivo attualmente prescritto ai pazienti che ne soffrono.

 

Leggi anche > Brasile choc, l'orrore dai reparti Covid

 

 

 

Lo studio, che come riporta “Bbc.com” è alle fase inziali, suggerisce che la psilocibina potrebbe avere la stessa efficacia di un antidepressivo: negli ultimi tre decenni, da quando il Prozac è arrivato sul mercato, i farmaci per la depressione e l'ansia sono stati generalmente variazioni sullo stesso tema. Tuttavia, per una fetta considerevole di persone questi medicinali causano effetti collaterali indesiderati, oltre a diminuire la loro efficacia nel tempo.

 

Ai 59 partecipanti dello studio è stata somministrata psilocibina o un comune antidepressivo chiamato inibitore selettivo della ricaptazione della serotonina (SSRI). Gli scienziati del Centre for Psychedelic Research dell'Imperial College di Londra hanno poi misurato lo “stato” dei pazienti ponendo loro dei quesiti su sonno, energia, appetito, umore e pensieri suicidi. Secondo questa misurazione, la psilocibina ha funzionato come un antidepressivo convenzionale (un SSRI chiamato escitalopram), con tutti i partecipanti che hanno visto riduzioni dei loro sintomi e benefici inaspettati circa il benessere mentale e la capacità di sentirsi felici.

 

Questo è il primo studio che mette a confronto questo tipo di composti con i trattamenti tradizionali, aprendo una nuova strada per chiunque soffra di depressione da moderata a grave, non solo per i pazienti con cui hanno precedentemente falliti gli altri trattamenti.

La ricerca è però una piccola sperimentazione, una fase inziale della ricerca: “È sottodimensionato e non prova che la psilocibina sia un trattamento per la depressione migliore di quello standard con escitalopram - ha sottolineato Guy Goodwin, professore di psichiatria all'Università di Oxford – tuttavia fornisce interessanti indizi a riguardo”.

 

Gli SSRI come la fluoxetina (il nome generico di Prozac), il citalopram, l'escitalopram e la sertralina sono i primi farmaci prescritti nel trattamento della depressione e dell’ansia: “Si pensa che agiscano sul sistema di stress del cervello, attenuando le risposte che possono "prendere il sopravvento” -  ha spiegato l'autore dello studio Dr Robin Carhart-Harris - rendendo le emozioni dolorose più facili da sopportare. Ma non necessariamente aiutano le persone a "sentirsi bene"…”. Alcuni i farmaci attenuano tutte le emozioni, sia positive che negative e questo ottundimento emotivo può essere considerato un effetto collaterale indesiderato.  D'altra parte, la psilocibina sembra funzionare sui recettori nel cervello associati al "riordino" del modo in cui pensiamo alle cose, con i partecipanti allo studio che dopo il trattamento hanno riferito di sentirsi "ricalibrati, resettati come non facevano da anni" e riuscire "godersi la vita".

 

Le persone nel gruppo di trattamento con psilocibina hanno anche sperimentato meno effetti collaterali di quelli che spesso colpiscono le persone che assumono SSRI: sonnolenza, disfunzione sessuale e secchezza delle fauci. Tuttavia, hanno avuto più sintomi transitori, come mal di testa il giorno dopo aver ricevuto il farmaco. I partecipanti allo studio, alla fine del trattamento, sono stati seguiti per sei mesi.


Ultimo aggiornamento: Giovedì 15 Aprile 2021, 15:36
© RIPRODUZIONE RISERVATA