Francia in lockdown da venerdì fino al 1° dicembre. Macron: «Seconda ondata più dura e letale della prima»

Video

Il coprifuoco non basta più, la Francia ricorrerà a un nuovo lockdown a partire da venerdì. Il presidente francese Emmanuel Macron ha parlato davanti alla nazione e ha spiegato che la stretta adottata finora contro la seconda ondata del coronavirus, come il coprifuoco nelle zone di allerta massima, è stata «utile ma non sufficiente, ma ora non basta, non basta più. Sarà dunque lockdown su tutto il territorio nazionale a partire da venerdì per contrastare i contagi. Le scuole però resteranno aperte. Bar e ristoranti saranno chiusi «almeno fino al primo dicembre». 

 

Leggi anche > Coronavirus in Italia, 205 morti e record di casi (quasi 25mila)

 

Il virus circola in Francia ad una velocità che neanche le previsioni più pessimistiche avevano previsto». «Siamo sommersi dall'accelerazione improvvisa dell'epidemia, come ovunque in Europa», ha aggiunto, dicendo che la seconda ondata sarà «più dura e letale della prima». In Francia e in Europa «siamo sommersi» dall'accelerazione del coronavirus, ha detto: in questo contesto, ha aggiunto, è più che mai necessario dare «un colpo di freno». Macron ha evocato lo scenario di «almeno 400.000 morti in più» entro qualche mese se non facciamo nulla contro il coronavirus.

 

 

 

Durante il nuovo lockdown annunciato dalla Francia, le frontiere dello spazio Schengen resteranno aperte, ha detto Macron. «Dobbiamo restare uniti e solidali e non cedere al veleno delle divisioni», ha detto il presidente francese  annunciando il nuovo lockdown alla nazione. «Ho fiducia nella nostra capacità di superare questa prova, dobbiamo reggere, ce la faremo. Per risollevarci dobbiamo restare uniti e resteremo uniti». I contagi hanno toccato livelli record oggi in Francia, con 36.437 nuovi casi di Covid registrati nelle ultime 24 ore, 2821 ricoveri e 372 in terapia intensiva, è emerso dai dati Santé Publique France. Le vittime sono 244, per un totale di 35.785 decessi dall'inizio della pandemia. Il tasso di positività è fissato al 18,6%.

 

I bar, i ristoranti e i «negozi non essenziali» chiuderanno in Francia a partire da venerdì prossimo nel quadro del lockdown nazionale che resterà in vigore almeno fino al primo dicembre, ha detto il presidente francese in tv. Il presidente ha spiegato che «i negozi definiti a primavera come non essenziali, in particolare bar e ristoranti, resteranno chiusi», ma «l'economia non deve né fermarsi, né crollare». «L'attività continuerà con maggiore intensità, il che significa che gli sportelli dei servizi pubblici resteranno aperti, come anche le fabbriche e le aziende agricole. Uffici e lavori pubblici continueranno a funzionare».


Ultimo aggiornamento: Giovedì 29 Ottobre 2020, 08:31
© RIPRODUZIONE RISERVATA