Adolescente strangola la madre e la seppellisce dopo un litigio per un brutto voto

Florida, 15enne strangola la madre e la seppellisce dopo un litigio per un brutto voto

Un ragazzino 15enne giovedì scorso in Florida ha strangolato la madre e ha seppellito il corpo dopo un litigio su un brutto voto a scuola. L'adolescente, Gregory Logan Ramos, ha poi chiesto agli amici di aiutarlo a mettere in piedi una sceneggiata per far sembrare che la mande, Gail Cleavenger, 46 anni, architeto, era sparita durante una rapina. Lo riporta il Mirror.

Elena Santarelli a Domenica In parla della malattia del figlio

Il ragazzo, definito un «sociopatico senza anima», dal capo della polizia di DeBary, una cittadina della Florida, ha poi confessato ed è ora detenuto in un carcere minorile di Daytona.

Lo sheriffo Mike Chitwood ha raccontato: «E' andato nella sua stanza e ha cominciato a strangolarla finché non l'ha uccisa». Poi ha caricato il corpo sul va di famiglia ed è andato seppellire il corpo vicino alla chiesa, prima di andare normalmente a scuola come se niente fosse. Poi ha chiesto a due amici, Dylan Ceglarek e Brian Porras, 17 anni, di aiutarlo a far sembrare che a casa sua ci fosse stata una rapina. La messa in scena però è durata poco, il ragazzino è stato scoperto e alla fine ha confessato

«Era freddo e calcolatore, è stata probabilmente la cosa più choccante di sempre per noi - ha detto ancora lo sceriffo -. Assolutamente nessun rimorso. E' uno dei casi più inquietanti e tristi e che abbia visto nella mia carriera».



 
Ultimo aggiornamento: 21:34 © RIPRODUZIONE RISERVATA