Fase 3, il Regno Unito riapre: dal 10 luglio niente quarantena per chi viene dall'Italia

Fase 3, il Regno Unito riapre: dal 10 luglio niente quarantena per chi viene dall'Italia

Il Regno Unito riapre alle vacanze e ai viaggi senza restrizione, non più da lunedì 6 luglio come anticipato inizialmente dai media ma da venerdì 10 luglio: saranno oltre 50 i Paesi da cui si potrà atterrare negli aeroporti britannici e viceversa, compresa l'Italia, secondo quanto formalizzato oggi dal governo guidato da Boris Johnson. Per una lunga lista di nazioni non ci sarà più dunque la quarantena obbligatoria di 14 giorni imposta dall'8 giugno a chiunque arrivi o rientri nel Regno Unito.

Leggi anche > Primark perde 900 milioni di euro per il lockdown, ma reagisce alla crisi: aprirà nuovi negozi

La lista degli Stati «a basso rischio», ha detto il ministro dei Trasporti, Grant Shapps, include con l'Italia altri Paesi ad alto flusso turistico incrociato, Francia, Spagna, Germania, ma ad oggi non gli Usa, la Svezia o il Portogallo. La lista completa dei Paesi per i quali sarà abolita la quarantena dovrebbe essere resa nota a breve, intorno a ora di pranzo, scrivono i media britannici.

Al momento l'abolizione vale solo per gli arrivi in Inghilterra, dove peraltro si concentra la stragrande parte dei collegamenti diretti dall'estero; mentre i governi locali di Scozia e Galles, forti dei poteri della devolution, si son riservati d'allinearsi nei prossimi giorni e l'Irlanda del Nord ha chiarito di voler mantenere per ora la quarantena per tutti, salvo l'Irlanda. In parallelo Londra - che da domani riapre pub, bar e ristoranti - allenta le raccomandazioni sui viaggi verso Paesi come l'Italia, sconsigliati a inizio pandemia «se non essenziali».

Ultimo aggiornamento: Venerdì 3 Luglio 2020, 14:07
© RIPRODUZIONE RISERVATA