Austria, esplode impianto gas: stop a forniture all'Italia. "Ora il prezzo sale"

  • 28
    share
In seguito a un'esplosione in un impianto di distribuzione di gas a Baumgarten an der March, in Austria, sono stati interrotti i flussi di gas dalla Russia verso l'Italia. Nell'incidente decine di persone sono rimaste ferite e almeno una ha perso la vita. Il flusso del gas dalla Russia è stato fermato per fronteggiare un incendio avvenuto presso il tratto di rete gestito dall'operatore Gas Connect. Di conseguenza è stata sospesa l'operatività del gasdotto che collega attraverso l'Austria il nodo di Baumgarten fino all'ingresso di Tarvisio della rete italiana, spiega il Mise in una nota. La fornitura di gas ai consumatori italiani è comunque assicurata in quanto la mancata importazione viene coperta da una maggiore erogazione di gas dagli stoccaggi nazionali di gas in sotterraneo. 
 
 

L'incidente ha coinvolto «un punto di snodo del gas in Austria, per cui abbiamo un problema serio di forniture, in particolare sul tracciato austriaco che viene dalla Russia. Se avessimo il Tap, oggi non dovremmo dichiarare lo Stato di emergenza per questa mancanza di fornitura», ha detto il ministro dello Sviluppo Economico, Carlo Calenda, sottolineando che il Tap, il gasdotto che va dall' Azerbaijan all'Italia, «serve a diversificare queste forniture di gas».

In casi come questi, spiegano al ministero dello Sviluppo Economico, la procedura per lo stato di emergenza scatta automaticamente ma «non c'è nessun problema di approvvigionamento» grazie agli stock esistenti. La situazione quindi, sottolineano ancora al Mise, è del tutto «sotto controllo». Le forniture di gas «potrebbero riprendere già nella giornata di oggi, se venissero confermate le prime indicazioni sull'assenza di danni alle infrastrutture di trasporto», spiega Snam in una nota. La sicurezza del sistema italiano, ricorda, è «garantita dagli stoccaggi messi a disposizione da Snam».

Gli esperti del settore, e lo confermano Gas Connect Austria e Austrian Gas Grid Management, sostengono che l'incidente non dovrebbe creare problemi all'Italia, grazie agli stoccaggi. «Il sistema - si legge sul sito di Gas Connect, hub della rete Ue di distribuzione - è stato spento ed è fuori servizio. Il transito attraverso l'Austria a sud e sud-est è compromesso fino a nuovo avviso». «La causa dell'incidente non è ancora chiara, al momento pensiamo ad un guasto tecnico», spiegano ancora da Gas Connect Austria, sottolineando che «i gestori dei sistemi di trasmissione vicini sono stati informati immediatamente affinché misure possano essere adottate in tempo utile». Il gasdotto coinvolto nello stop delle forniture è il Tag (Trans Austria Gas Pipeline) che sfocia a Tarvisio, in Friuli, che garantisce circa il 30% del nostro fabbisogno di gas.

«Se finisse domani non è un problema» ma anche «se dovesse durare qualche settimana è una cosa che possiamo compensare: non c'è allarmismo tra gli operatori». Lo ha detto, in merito all'incidente in Austria, l'ad di Eni, Claudio Descalzi, spiegando però che «il gas sta salendo di prezzo. Dipende da quanto durerà il problema». Quanto successo si inserisce «in uno scenario che porta ad un aumento generalizzato dei prezzi».


 
Martedì 12 Dicembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 17:38
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-12-13 15:49:36
Ora avanti tutta con la TAP e smettetela di mettervi in testa che si deturpi l'ambiente tutto va sotto terra il Nord è pieno di metanodotti e tutti sono ben posizionati senza stravolgere il paesaggio .SVEGLIA
DALLA HOME