Drogate in discoteca, in 2 mesi 200 segnalazioni: 56 per «spiking». Il racconto di Sarah

Drogate in discoteca, in 2 mesi 200 segnalazioni: 56 per «spiking». Il racconto di Sarah

Sarah è stata portata in ospedale e il mattino dopo non ricordava niente, sulla mano però il livido con un segno di puntura

Urla, svenimenti e nausee. Un malessere improvviso e senza motivazioni apparenti quello avuto da Sarah Buckle una studentessa di 19 anni che era appena uscita da una discoteca in Gran Bretagna. Ad accorgersi che qualcosa non andava sono stati gli amici che l’hanno portata subito in ospedale. La mattina dopo al risveglio Sarah non ricordava niente di quanto successo. La mano però le doleva per un grosso livido con al centro un segno che sembrava la puntura di un ago. Il sospetto è che la ragazza possa essere stata drogata con un’iniezione, ovvero con il metodo dello «spiking». Negli ultimi due mesi, riporta Cbs News, nel Regno Unito sono state quasi 200 le segnalazioni alla polizia di persone che sospettano di essere state drogate durante una serata nei locali. Con almeno 56 segnalazioni di sospette punture.

 

Leggi anche > Palermo choc, due neonati ricoverati per overdose di droga: «Hanno assunto hashish e cocaina»

 

«Ho iniziato a urlare, poi a vomitare e perdere conoscenza», ha detto Buckle a Cbs News. «Non avevo bevuto troppo. E' qualcosa di completamente diverso». Nessuna certezza su quando accaduto solo sospetti, ma comunque per la ragazza c'è tanto da fare. «Dovrebbero perquisire i clienti prima dell'ingresso, fornire tappi per le bibite e garantire un sanitario sul posto. Servono anche norme che consentano agli ospedali di contattare la polizia in caso di iniezione sospetta» aggiunge Sarah. 


Ultimo aggiornamento: Venerdì 12 Novembre 2021, 20:13
© RIPRODUZIONE RISERVATA