Dottoressa suicida in Austria: i no-vax la insultavano e minacciavano da mesi. Paese sotto choc

La donna da tempo denunciava di ricevere centinaia di minacce e insulti da parte dei no vax. Sospetti su gruppi neonazisti e su una persona residente in Germania

Dottoressa suicida in Austria: i no-vax la insultavano e minacciavano da mesi. Paese sotto choc

Da tempo denunciava di essere vittima di insulti e minacce, a intervalli irregolari, da parte dei no vax. Lo aveva fatto anche qualche giorno fa, poco prima di essere ritrovata morta. Le autorità hanno confermato che Lisa-Maria Kellermayr, dottoressa e vaccinatrice austriaca, si è suicidata.

Le minacce e gli insulti dei no vax

Sul suo sito, la dottoressa Lisa-Maria Kellermayr, 36enne medico di base che viveva e lavorava nel piccolo centro di Seewalchen am Attersee, offriva ai pazienti consigli e informazioni utili. Ma da mesi, denunciava anche la pesantezza del clima creato dai no vax: messaggi privati sui social e e-mail pieni di insulti e minacce. Il motivo? Aver ribadito più volte di essere favorevole ai vaccini, non solo quelli contro il Covid. I sindacati degli operatori sanitari, in Austria, chiedono ora allo Stato maggiori tutele di fronte a insulti e intimidazioni di ogni genere.

La dottoressa trovata morta nel suo studio

La dottoressa Kellermayr è stata trovata morta venerdì scorso, nel suo studio. I pubblici ministeri hanno detto ai media di aver trovato tre biglietti che facevano riferimento all'intenzione di suicidarsi e di non aver intenzione di eseguire un'autopsia. La sua morte ha suscitato grande emozione in Austria, con veglie e manifestazioni. Nella sua ultima intervista al Der Standard, Kellermayr aveva detto di sentirsi abbandonata dallo Stato.

I sospetti sui neonazisti

I giornalisti del quotidiano austriaco hanno affermato di aver avuto poche difficoltà a rintracciare la persona sospettata dalle minacce alla dottoressa nell'area di Berlino, identificandolo come una figura della scena neonazista. Inoltre sono anche riusciti a rintracciare un uomo dell'Alta Baviera che aveva minacciato di mettere Kellermayr davanti a un «tribuno del popolo», accusandola di tradimento.

Indagini in Germania

Il governo tedesco ha espresso «profonda costernazione» per il suicidio della dottoressa austriaca Lisa-Maria Kellermayr, che sarebbe stata minacciata da tempo da no-vax e oppositori delle misure anti-Covid. Le autorità tedesche stanno collaborando con quelle austriache nelle indagini sul caso. Un portavoce del governo di Olaf Scholz ha detto oggi a Berlino che la violenza deve essere condannata con massima fermezza, anche e soprattutto quando è rivolta contro il personale sanitario e i medici. Secondo quanto riporta Dpa, la procura di Monaco sta attualmente indagando su un uomo residente in Baviera, che avrebbe minacciato via mail la dottoressa di aggressione e morte.


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 3 Agosto 2022, 22:18
© RIPRODUZIONE RISERVATA