Una donna si risveglia dal coma dopo 28 anni, il figlio: «Non perdete la speranza»

di Ida Di Grazia
Una storia incredibile fatta di tenacia e di speranza. Stiamo parlando di Munira Abdulla, che nel 1991 all'età di 32 anni finì in coma dopo un gravissimo incedente. Dopo 28 anni di stato vegetativo la donna si è risvegliata e il figlio ha voluto raccontare questa storia lancoando un messaggio a tutte quelle persone che hanno vissuto la sua stessa sofferenza: «Non perdete la speranza»

Sri Lanka, c'è un'italiana tra le vittime: donna morta negli attentati viveva a Catania


Nel 1991 Munira Abdulla ha subito una grave lesione cerebrale in un incidente automobilistico negli Emirati Arabi Uniti (EAU), aveva solo 32 anni e per anni non ci sono stati segni di migliormento.  I medici la dichiararono in stato semi cosciente, simile a un coma ma ricettivo al dolore. Per anni è stata alimentata attraverso un tubo mentre alcuni operatori le praticavano la fisioterapia per arrestare il deterioramento dei suoi muscoli.
«Non ho mai rinunciato a lei perché ho sempre avuto la sensazione che un giorno si sarebbe svegliata», ha detto il figlio Omar Webair al quotidiano The National. 
Nel 2017, Mohammed bin Zayed, il principe ereditario di Abu Dhabi, si è offerto di pagare un trattamento specialistico in Germania, lì i medici hanno dato la priorità alle terapie fisiche e le hanno somministrato farmaci per migliorare la sua veglia e il sonno. Questo nuovo trattamento, come ha raccontato il figlio, sembrava rendere la madre più ricettiva, nel giugno 2018 il miracolo, 28 anni dopo, la donna ha iniziato a fare suoni strani, per i medici sembrava tutto normale «Poi, tre giorni dopo - come riporta The Indipendent -  mi sono svegliato al suono di qualcuno che chiamava il mio nome. Era lei! Stava chiamando il mio nome. Per anni ho sognato questo momento, e il mio nome è stata la prima parola che ha detto». Con il passare del tempo la sig.ra Abdulla ha continuato a diventare più vigile e ora è in grado di tenere una conversazione, recitare preghiere e dire alla gente quando soffre.  Ora è tornata ad Abu Dhabi con la sua famiglia, dove continua a ricevere cure. «La ragione per cui ho condiviso la sua storia - ha detto il il signor Webair - è per  dire alla gente non perdete la speranza, non considerateli morti quando si trovano in questo stato. Per anni i dottori mi hanno detto che era un caso senza speranza e che non c'era motivo per il trattamento che stavo cercando per lei, ma ogni volta che mi trovavo in dubbio, mi sono messo al suo posto e ho fatto tutto il possibile per migliorare le sue condizioni».




La donna si sveglia dallo stato vegetativo dopo 28 anni

Una persona sdraiata su un letto
Una donna ha riacquistato la coscienza piena dopo 28 anni in uno stato vegetativo - una condizione simile a un coma ma i pazienti rispondono al dolore.

" non ho mai ceduto a lei perché ho sempre avuto la sensazione che un giorno si sveglierà," il figlio di munira abdulla, Omar Webair lo ha detto al giornale nazionale.

Sua madre ha subito un grave infortunio al cervello a seguito di un incidente stradale negli Emirati Arabi Uniti nel 1991 quando aveva solo quattro anni, ha aggiunto. L' aveva abbracciato per proteggerlo come un bus scolastico arato nel loro veicolo nella città di al ain.

Insieme a suo zio, il sig. Webair ha subito solo ferite minori, ma la sig. ra abdulla, che aveva 32 anni all'epoca, ha subito un infortunio cerebrale che non è stato curato per ore prima di essere portato in ospedale.

Leggi di più: la polizia al dna prova tutto lo staff di cura maschile dopo la donna in stato vegetativo ha bambino (l'indipendente)

Alla fine è stata trasferita a Londra per un trattamento specialistico, ha detto il sig. Webair. Lì è stata dichiarata di essere in uno stato minimamente consapevole; reattivo a nient'altro che dolore.

I medici hanno restituito la sig. ra abdulla agli Emirati Arabi Uniti, dove per anni è stata nutrita attraverso un tubo e fornita di fisioterapia nel tentativo di assicurarsi che i suoi muscoli non si deteriorarsi.

Nel 2017 Mohammed Bin Zayed, il principe ereditario di Abu Dhabi, si offrì di pagare per la sig. ra abdulla per ricevere un trattamento specialistico in Germania, ha detto il signor webair. Lì, i medici hanno dato priorità alle terapie fisiche e le hanno dato la droga per migliorare la sua veglia e i suoi schemi di sonno

" il nostro obiettivo primario era quello di concedere alla sua fragile coscienza l'opportunità di sviluppare e prosperare all'interno di un corpo sano, proprio come una pianta delicata che ha bisogno di un buon terreno per crescere," il dott. Ahmad Ryll, specialista di neurologia che ha curato la sig. ra abdulla, ha detto agli Emirati Arabi Uniti - Giornale a base.

Il Sig. Webair ha detto che il trattamento è apparso per rendere la madre più reattiva, e un anno dopo, nel giugno 2018, una fila nella sua stanza d'ospedale "le ha causato uno shock".

" stava facendo dei suoni strani e io ho continuato a chiamare i medici per esaminarla, dicevano che tutto era normale," ha aggiunto. " poi tre giorni dopo mi sono svegliato con il suono di qualcuno che chiama il mio nome. E ' stata lei! Lei stava chiamando il mio nome, stavo volando con gioia; per anni ho sognato questo momento, e il mio nome è stata la prima parola che ha detto."

La Sig. ra abdulla ha continuato a diventare più vigile, ed è ora in grado di tenere una conversazione, recitare le preghiere e dire alle persone quando è in dolore.

Adolescente nato con due uteri si sveglia dal coma per imparare che era incinta e aveva la bambina

E ' tornata ad Abu Dhabi con la sua famiglia, dove continua a ricevere il trattamento.

" il motivo per cui ho condiviso la sua storia è dire alle persone di non perdere la speranza sui loro cari; non li consideri morti quando sono in uno stato del genere," ha detto il signor webair. " tutti quegli anni i medici mi hanno detto che era un caso disperato, e che non c'era punto del trattamento che stavo cercando per lei, ma ogni volta che nel dubbio mi sono messo al suo posto e ho fatto tutto il possibile per migliorare la sua condizione."
Lunedì 22 Aprile 2019, 20:48
© RIPRODUZIONE RISERVATA