Difende una donna maltrattata in strada, massacrato a calci e pugni: l'aggressore arrestato dopo la fuga

Difende una donna maltrattata in strada, massacrato a calci e pugni: l'aggressore arrestato dopo la fuga

di Enrico Chillè

Era intervenuto per difendere una giovane donna, maltrattata in strada dal compagno. Dopo aver tentato di chiamare la polizia, è stato massacrato a calci e pugni dal giovane ed è finito in ospedale.

Leggi anche > Giocatore di hockey muore a 19 anni durante una partita: «Colpito alla testa da un disco»

È accaduto a Oviedo, in Spagna. La vittima dell'aggressione è un avvocato di 38 anni, molto conosciuto per la sua professione in città, che ha prima diviso la coppia e poi ha tentato di chiamare la polizia. Il compagno violento della giovane, però, è andato su tutte le furie e lo ha aggredito, facendolo cadere e colpendolo a calci e pugni. Dopo l'aggressione, i due giovani si sono allontanati non appena udito le sirene di una volante della polizia in arrivo.

L'aggressore, che era fuggito e si era rinchiuso in casa, non aveva fatto i conti con alcuni residenti che, dalla finestra di casa, hanno ripreso la scena, fornendo indicazioni preziose alla polizia, che ha identificato e arrestato l'aggressore. Lo riporta 20minutos.es. La denuncia è scattata d'ufficio, grazie proprio al filmato dei residenti, dal momento che l'avvocato 38enne, ancora in ospedale, non ha ancora presentato una querela formale nei confronti del suo aggressore.


Ultimo aggiornamento: Martedì 16 Marzo 2021, 19:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA