Diciannovenne palpeggiata in discoteca caccia il molestatore, lui le spacca una bottiglia in testa per vendetta

Diciannovenne palpeggiata in discoteca caccia il molestatore, lui le spacca una bottiglia in testa per vendetta
Rifiuta le insistenti avances di un uomo in discoteca e lui le spacca una bottiglia in testa.

La 19enne Sophie Johansson ha raccontato la sua aggressione in un locale di Malmo, in Svezia, dopo aver allontanato un uomo.





La giovane era in discoteca quando un uomo le si è avvicinato mentre stava ballando. Sophie ha raccontato di aver fatto finta di nulla, così l'uomo ha provato a tirare la borsetta, ma quando lei si è girata per evitare il furto il ragazzo le avrebbe messo le mani sul sedere e tra le gambe.

La 19enne lo ha allontanato con decisione, ma a quel punto il molestatore le ha spaccato una bottiglia in testa lasciandole il volto completamente insanguinato. «Pensavo di avere il contenuto della bottiglia sul mio volto ma poi un amico mi ha detto che quello che scorreva era sangue».

Subito dopo l'aggressione, come riporta la stampa locale, Sophie è stata portata in ospedale, ma l'uomo è riuscito a fuggire. Per questo la 19enne ha deciso di raccontare la sua storia: vuole che chi l'ha ridotta in quello stato paghi per quanto fatto. La polizia ha chiesto ai testimoni di farsi avanti.
Ultimo aggiornamento: Mercoledì 31 Gennaio 2018, 19:39
© RIPRODUZIONE RISERVATA