Delfini in hotel? L'incredibile vicenda di due delfini imprigionati nella piscina di un albergo
di Remo Sabatini

Delfini in hotel? L'incredibile vicenda di due delfini imprigionati nella piscina di un albergo

Il Best Western Paradise Hotel Dilijian si trova in Armenia, non lontano dalla capitale. Di lusso, propone camere di varie tipologie e per (quasi) tutte le tasche. Bar e ristorante e tutta una serie di servizi dedicati anche ai più piccoli, sono solo alcune delle coccole che il prestigioso hotel riserva ai suoi affezionati clienti. C'è anche la piscina. Coperta. 20 metri per 9. Un must per chi vuole rilassarsi a fine giornata. Peccato sia già stata prenotata. La piscina, infatti, è occupata giorno e notte da due ospiti particolari che, di quelle coccole, ne avrebbero fatto volentieri a meno. Sono due delfini! Ma come ci sono finiti dei delfini in albergo? È la domanda che si pongono in molti.



Qualcuno, un po' di tempo fa, deve aver pensato che il business della delfino-terapia non dovesse essere poi così male. Così, si deve essere imbarcato nell'impresa. Dopo le orche nei delfinari e gli squali bianchi negli acquari, quella dei delfini in piscina poteva essere una buona occasione per pubblicizzare "capra e cavoli". E così è stato. Il fatto che i due poveri animali siano imprigionati in una specie di tinozza illuminata solo dai fari, evidentemente, non deve essere stato un grosso problema. Anzi, a guardarli, i delfini, sembrano sorridere. E allora, pronti con le brochure. La terapia con i delfini non avrebbe potuto che centrare l'obiettivo.



La terapia con gli animali, però, è una cosa seria. Improbabile, viste le condizioni di vera e propria detenzione nelle quali versano gli animali che, questi, possano essere d'aiuto a chicchessia. Semmai, dovrebbero essere essi stessi ad essere aiutati. Meno improbabile, d'altra parte, il tornaconto della struttura alberghiera che, dalla delfino-terapia in "gattabuia", pare aver tratto un certo giovamento. Ma da dove sono arrivati i due delfini? Sembra che provengano dal Dolphinarium Zuezda di Morskay, in Russia, anche se le fonti Cites non confermano il dato. L'acqua della piscina, nel frattempo, anche a giudicare dalle immagini, sembra trasparente, invitante. Anche troppo. Non somiglia per niente a quella marina. Lontana, anche lei come la luce del sole, mille miglia dalla casa dei due piccoli delfini. Dal mare.

Venerdì 17 Novembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 18:27
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 7 commenti presenti
2017-11-26 18:07:26
poi che immagine ipocrita: animali costretti a resistere la dentro, e bugie raccontate dagli adulti ai bambini che non capiscono, non possono capire...Tutto questo solo per i loro sporchi soldi.
2017-11-26 18:06:06
Venderebbero qualsiasi cosa. Ma questo non possono farlo!!!Stanno male la dentro, resistono ma non vivono. ma che è... ma dove vanno dentro a una piscina, che fanno vasche, come noi??? Sono pesci!!!
2017-11-21 06:35:10
Crudeltà sugli animali, che deve smettere !!
2017-11-21 05:41:58
questa è crudeltà sugli animali e non da accettare. Libera gli animali o a Sochi!!!
2017-11-19 10:12:14
Hotel x gente ricca....la colpa e'anche dei clienti che ci vanno questo xche'nn hanno un cuore..colpa anche a chi da questi permessi...
DALLA HOME