Dawson's Creek, suicida sceneggiatrice vittima dei sintomi del Long Covid: «Aveva dolori terribili e non dormiva più»

Dawson's Creek, suicida sceneggiatrice vittima dei sintomi del Long Covid: «Aveva dolori terribili e non dormiva più»

Da oltre un anno aveva la sindrome da Long Covid e si è tolta la vita. Heidi Ferrer, sceneggiatrice 50enne che aveva diretto anche la nota serie Dawson's Creek, aveva superato il virus ma aveva avuto una serie di strascichi della malattia che le hanno reso per un anno la vita molto difficile, fino a spingerla al suicidio.

Leggi anche > Covid, il giallo di Wuhan: «Le sequenze del virus già sul web nel 2019 e poi sparite»

A raccontare il dramma della 50enne è il marito Nick Guthe, che chiede un supporto psicologico per tutte le persone che devono affrontare la sindrome del Long Covid. Tutto è iniziato dopo la malattia, la donna avvertiva dolori fortissimi ai piedi, poi sono subentrati una serie di altri problemi fisici, fino a quando Heidi si è sentita distrutta anche psicologicamente. 

Il marito ha spiegato alla stampa locale che la moglie soffriva di problemi digestivi e dolori muscolari intensi e diffusi oltre a un affaticamento costante che le faceva battere forte il cuore ogni volta che si alzava dal letto. Poche settimane prima della morte aveva iniziato ad avere anche una serie di disturbi neurologici che la portavano a non dormire più di un'ora a notte. La sua vita era ormai terribile, ma nessuno era riuscito a capire e a curare i problemi della 50enne.


Ultimo aggiornamento: Venerdì 25 Giugno 2021, 17:12
© RIPRODUZIONE RISERVATA