Covid, due virus simili al SARS-CoV-2 scoperti dagli scienziati fuori dalla Cina

Covid, due virus simili al SARS-CoV-2 scoperti dagli scienziati fuori dalla Cina

Due virus cugini del covid sono stati trovati nei pipistrelli fuori dalla Cina. Un team di ricerca cambogiano dell'Istituto Pasteur di Phnom Penh, come riportato dall'autorevole rivista scientifica Nature ha scoperto un virus che sembra essere cugino a quello che ha causato la pandemia in corso, e un altro studio ne ha evidenziato un secondo.

 

Leggi anche > Vaccino anti Covid, tre medici di famiglia su quattro disposti a farli ai propri pazienti

 

Il primo patogeno non è stato rilevato in un pipistrello vivo, ma in due esemplari di pipistrello ferro di cavallo di Shamel catturati nel 2010 in Cambogia e conservati in congelatore come campioni da analizzare. Il virus è stato analizzato e in questi mesi si è provato a copararlo con quello del coronavirus e sembrerebbe essere molto simile nella struttura genomica. 

 

Questo non sarebbe l'unico virus simile a quello del covid. Un secondo coronavirus parente del SARS-CoV-2 è stato identificato da un team di ricerca giapponese composto da scienziati dell'Università di Tokyo e del National Institute of Infectious Diseases. In questo caso il virus è stato trovato negli escrementi di un pipistrello ferro di cavallo che vive in Cina. Il coronavirus identificato è stato chiamato Rc-o319 e il suo codice genetico corrisponde all'81 percento con quello del SARS-CoV-2, pertanto è un parente più lontano di RaTG13, ovvero il patogeno del SARS-CoV-2, ma ha una struttura molto diversa e molto lontana dal virus a noi oggi conosciuto e anche da quello trovato in Cambogia. 

 

Gli studi su questi virus potrebbero consentire di capire meglio l'andamento della pandemia, poterne studiare possibili cure, ma anche, soprattutto, cercare di prevenire nuove epidemie.


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 25 Novembre 2020, 16:40
© RIPRODUZIONE RISERVATA