Covid, la variante indiana preoccupa l'Inghilterra. Boris Johnson: «Potrebbe fermare il nostro cammino sulla roadmap»

Covid, la variante indiana preoccupa l'Inghilterra. Boris Johnson: «Potrebbe fermare il nostro cammino sulla roadmap»

Covid, la variante indiana preoccupa Boris Johnson. Il primo ministro inglese Boris Johnson ha fatto sapere che a causa della variante indiana il governo potrebbe essere chiamato a fare "scelte difficili", inclusa una possibile "interruzione" della fase finale della tabella di marcia per le riaperture post covid: “La variante indiana – ha spiegato - potrebbe fermare il nostro cammino sulla roadmap ... Ora c'è il rischio di interruzioni e ritardi".

 

Leggi anche > Roma, la variante indiana fa paura: caccia a tutti i contatti

 

Leggi anche > Variante indiana a Roma, c'è un caso tra i positivi del volo atterrato mercoledì a Fiumicino

 

Covid, Boris Johnson preoccupato per la variante indiana

 

 

Boris Johnson ha spiegato che i casi registrati sono in aumento e in più si aggiungono “importanti incognite”, incluso il fatto che non è nota la trasmissibilità di questo tipo di variante. La fase finale della road map, prevista per il 21 giugno, potrebbe essere infatti "interrotta o ritardata".

Se l’aumento dei contagi fosse “solo marginale”, secondo quanto spiegato da Boris Johnson e riportato dal "The telegraph", il piano può continuare come previsto, ma se la risultante fosse diversa il governo sarebbe costretto ad “affrontare alcune scelte difficili”. Le autorità stanno cercando di tenere sotto controlli i picchi dell’epidemia attraverso l’esercito che distribuisce test nelle strade di Blackburn e Bolton.

Per quanto riguarda i vaccini, sulla cui efficacia il primo ministro ripone molte speranze, sarà accelerato l’arrivo delle seconde dosi per gli ultracinquantenni, in modo che vengano consegnate in otto settimane anziché entro le previste dodici.

 


Ultimo aggiornamento: Venerdì 14 Maggio 2021, 20:20
© RIPRODUZIONE RISERVATA