Covid, in Israele oltre seimila contagi: è record da febbraio. «Un milione di persone non vuole vaccinarsi»

Covid, in Israele oltre seimila contagi: è record da febbraio. «Un milione di persone non vuole vaccinarsi»

Oltre seimila contagi di Covid sono stati registrati ieri in Israele, in quello che rappresenta un record negativo da febbraio. Il tasso di positività è salito al 4,84 per cento ed i casi gravi sono circa 400. Il numero complessivo dei decessi è ora di 6.599, dei quali 82 dall'inizio di agosto, ha reso noto il ministero della sanità.

 

Leggi anche > Zaia dice stop ai tamponi gratis: «Per molti una scappatoia per non fare il vaccino»

 

Il coordinatore della lotta alla pandemia Salman Zarka parlando con i media ha definito questi dati «allarmanti». «Siamo giunti ad un punto critico per tutti noi: per la nostra salute, per la nostra vita e per l'economia» ha aggiunto. Zarka ha rinnovato l'appello a vaccinarsi a chi ancora non si è immunizzato. A quanto risulta, oltre un milione di israeliani che potrebbero vaccinarsi, hanno finora ignorato gli appelli sempre più pressanti del governo.

 

Leggi anche > Terza dose Pfizer, i primi dati da Israele: «Ecco quali sono gli effetti collaterali»

 

Prosegue intanto con slancio la somministrazione della terza dose di vaccino Pfizer agli 'Over 60' che hanno ricevuto le prime due dosi oltre cinque mesi fa. Il loro numero complessivo è salito adesso a 580 mila. Il premier Bennett ha chiesto alle casse mutue di sforzarsi di raggiungere la cifra di 900 mila vaccinazioni entro la fine di questa settimana.


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 11 Agosto 2021, 12:15
© RIPRODUZIONE RISERVATA