Covid, paura al G7 di Londra: due funzionari indiani positivi, tutta la delegazione in isolamento

Covid, paura al G7 di Londra: due funzionari indiani positivi, tutta la delegazione in isolamento

Paura Covid al G7 di Londra. Due funzionari indiani sono risultati positivi e tutta la delegazione si trova attualmente in isolamento. Il ministro degli Esteri indiano, Subrahmanyam Jaishankar, che aveva avuto ieri un incontri bilaterale con il ministro degli Interni britannico Priti Patel, non è positivo al Covid.

 

Leggi anche > Bill e Melinda Gates, si rompe la coppia da 200 miliardi di dollari

 

L'India, pur non facendo parte del G7, è tra i paesi invitati dalla Gran Bretagna (che ha la presidenza di turno) a partecipare al vertice di Londra, il primo in presenza dall'inizio della pandemia. A dare notizia dei due casi di positività tra i delegati indiani è Skynews, che sottolinea come lo screening delle varie delegazioni faccia parte delle misure di sicurezza sanitaria precauzionali previste per questa riunione ministeriale londinese del G7.

 

Nella seconda giornata di riunioni tra i ministri degli Esteri, l'indiano Subrahmanyam Jaishankar sta partecipando in videocollegamento con la Lancaster House. «Ieri sera ho saputo del rischio di essere stato esposto a casi di positività al Covid. Come misura precauzionale e anche per rispetto degli altri, ho deciso di svolgere i miei impegni in modalità virtuale, a cominciare dall'incontro di oggi», ha spiegato il ministro dell'India.

 

 

 

 

I temi del giorno sono la società aperta, la libera informazione, le detenzioni arbitrarie nel mondo, la libertà di religione, la cyber governance, la propaganda online (con gli annunciati meccanismi di risposta rapida alla disinformazione imputata tanto a Mosca quanto a Pechino), i cambiamenti climatici, la cooperazione su post Covid e vaccini, il rilancio sostenibile dell'economia, la lotta alla fame nel mondo. Senza dimenticare l'educazione delle ragazze o l'aiuto all'occupazione femminile nei Paesi in via di sviluppo, capitolo per il quale Londra ha già preannunciato un impegno comune a stanziare 15 miliardi di dollari nei prossimi 5 anni.


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 5 Maggio 2021, 13:19
© RIPRODUZIONE RISERVATA