Covid, da settembre in Francia niente stipendio al personale sanitario non vaccinato

Covid, da settembre in Francia niente stipendio al personale sanitario non vaccinato

Covid, la Francia sceglie la linea dura di fronte al dilagare della variante Delta. Dopo l'annuncio di ieri sera del presidente della Repubblica, Emmanuel Macron, arrivano nuove indicazioni da Olivier Veran, ministro della Sanità francese, sul vaccino obbligatorio.

 

Leggi anche > Covid in Francia, Macron: «Sì al green pass e alla terza dose, non escludiamo il vaccino obbligatorio»

 

Emmanuel Macron, ieri sera, aveva annunciato l'obbligo vaccinale per tutto il personale sanitario e per chi si occupa dell'assistenza alle persone fragili, anche privatamente e a domicilio. Olivier Veran, ministro della Sanità, ha fornito più dettagli dopo l'annuncio di Macron: «I membri del personale sanitario che non saranno completamente vaccinati entro il 15 settembre non potranno più lavorare e non riceveranno lo stipendio. Si tratta di una misura necessaria per evitare di chiudere la Francia, come il green pass, e non un ricatto».

 

Infermiera no vax muore di Coronavirus. Su Facebook scriveva: «Non fate il vaccino, è un esperimento sociale»

 

Le parole di Macron sembrano aver fatto effetto: nella sola serata di ieri, in tutta la Francia, è stato registrato quasi un milione di nuove prenotazioni (926mila, per l'esattezza). Un dato mai visto prima nel Paese transalpino, dove la campagna vaccinale stenta a decollare rispetto alla media Ue e dove la variante Delta costituisce almeno la metà dei nuovi contagi.


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 14 Luglio 2021, 14:51
© RIPRODUZIONE RISERVATA