Covid, in Brasile 4mila morti al giorno. Bolsonaro contro il lockdown: «Fa ingrassare»

Covid, in Brasile 4mila morti al giorno. Bolsonaro contro il lockdown: «Fa ingrassare»

Il presidente brasiliano Jair Bolsonaro ha sostenuto che il confinamento imposto dalla pandemia di coronavirus faccia ingrassare la gente. «Quando una persona rimane in casa, cosa fa? Dubito che non aumenterà un pò di peso. Anche la mia pancia è cresciuta un pò», ha affermato il capo dello Stato parlando con alcuni simpatizzanti a Brasilia. Le dichiarazioni sono state rese poco dopo la divulgazione del record di oltre quattromila morti da Covid-19 registrato nelle ultime 24 ore nel Paese sudamericano.

 

«Oggi sono morte più di 4mila persone, ha visto?», ha chiesto una donna. Senza rispondere, il presidente ha ribadito la sua contrarietà al lockdown per il suo impatto su economia e occupazione. «Avete visto? La gente sta perdendo il lavoro e nessun sindacato fa nulla contro questo», ha sottolineato Bolsonaro.

 

Record di morti e contagi: paura per nuove varianti

 

Continua a correre senza freni l'emergenza coronavirus in Brasile, con una media di quasi quattromila morti al giorno: nelle ultime 24 ore il gigante sudamericano ha registrato ulteriori 3.769 decessi e 91.097 contagi per Covid-19, secondo il Consiglio nazionale delle segreterie di salute (Conass). Il bilancio totale sale così a 325.284 vittime a fronte di 12.839.844 casi accertati, mentre cresce la paura per il possibile arrivo di nuove varianti: due giorni fa a Sorocaba, una cittadina a circa 100 chilometri da San Paolo, le autorità hanno isolato un altro ceppo. «Esiste la possibilità che sia una evoluzione della P1 (la variante di Manaus, ndr) simile alla mutazione del Sudafrica», ha spiegato Dimas Covas, direttore dell'Istituto di ricerca Butantan. Ed è allarme anche per il costante rischio di collasso negli ospedali: nelle terapie intensive dei nosocomi pubblici muore un paziente Covid su due, secondo l'Associazione brasiliana dei medici di terapia intensiva (Amib).

 

Nel Paese di circa 215 milioni di abitanti, il governo di Jair Bolsonaro, spesso scettico sulle misure di contenimento della pandemia, ha intanto accelerato il ritmo delle vaccinazioni: ieri, per la prima volta dall'inizio del programma, è stata superata la soglia di oltre 1 milione di persone vaccinate nello stesso giorno, portando il totale degli immunizzati finora a più di 23 milioni (18 milioni con la prima dose e 5 milioni con la seconda). Ciò nonostante, il capo dello Stato non ha ancora sciolto la riserva sulla sua vaccinazione, come fatto da altri leader mondiali per dare l'esempio alla popolazione. «Dopo che l'ultimo brasiliano si sarà vaccinato, se sarà rimasta una dose, allora deciderò se vaccinarmi o meno: è questo l'esempio che dovrebbe dare un leader», ha affermato Bolsonaro durante una diretta sui social.


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 7 Aprile 2021, 17:25
© RIPRODUZIONE RISERVATA