Corsa in auto a 195 km/h in diretta su Facebook: denunciato da uno spettatore dall'altra parte del mondo

Video

Aveva iniziato a guidare a folle velocità, raggiungendo in alcune occasioni picchi di 195 km/h. Per immortalare la sua performance, come se non bastasse, aveva diffuso tutto in diretta su Facebook. Qualcuno, in un altro continente, ha però deciso di allertare la polizia ed ora un 30enne è finito in guai enormi.

 

Leggi anche > Vaccino Pfizer, Gran Bretagna approva la vaccinazione di massa: disponibile dalla prossima settimana

 

Justin Dean Jones, che vive a Llanelli, in Galles, è stato fermato dalla polizia dopo la segnalazione di un utente che vive in Canada e che aveva notato quella diretta su Facebook. L'uomo, preoccupato per la sicurezza stradale messa a repentaglio dal 30enne gallese, era riuscito a segnalare l'accaduto. Nel filmato diffuso su Facebook, il folle automobilista aveva iniziato a immortalare impressionanti accelerate e sorpassi azzardati, tra strade statali, percorsi di campagna e centri abitati. Con una mano l'uomo, decisamente divertito per le sue 'performance', teneva il volante, con l'altra invece lo smartphone che riprendeva tutta la corsa.

 

 

I filmati incriminati, in cui l'uomo guidava una Astra e una Bmw X5, risalgono allo scorso mese di luglio e la polizia, che grazie ai social ha avuto pochi problemi nell'identificare il 30enne, lo aveva subito arrestato. Justin Dean Jones, infatti, era già noto alle forze dell'ordine ed era già stato condannato per guida pericolosa, guida senza patente e guida sotto effetti di sostanze stupefacenti. Come se non bastasse, il 30enne era anche stato condannato, con pena sospesa, per aver minacciato di morte la sua ex e la sua famiglia. Lo riporta Wales Online.

 

A nulla è valso il tentativo di difesa del legale, che ha spiegato come il 30enne fosse in uno stato di alterazione emotiva per la fine di quella storia e per la lotta alla dipendenza da alcol e droghe. Alla fine, i giudici del tribunale di Swansea hanno condannato l'uomo a due anni di carcere, oltre alla sospensione della patente per cinque anni e mezzo.


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 2 Dicembre 2020, 15:06
© RIPRODUZIONE RISERVATA