Coronavirus, a Wuhan pronto l'ospedale speciale costruito in dieci giorni

Video
Il primo ospedale speciale di Wuhan, deciso e costruito in tempi record per far fronte alla crisi del nuovo coronavirus, è stato completato e domani, come da programma, comincerà ad accogliere i pazienti. La struttura, nota con il nome di Huoshenshan, sarà gestito dai medici militari, hanno riferito i media cinesi.

Leggi anche > Coronavirus isolato allo Spallanzani di Roma: «Ora si aprono spazi per cure»
 Coronavirus, bagarini a Roma: mascherine in vendita a due euro, ma sono sporche

 
 
 


La Banca centrale cinese (Pboc) ha annunciato la maxi iniezione di liquidità sui mercati per 1.200 miliardi di yuan (173 miliardi di dollari) per sostenere l'economia quando il Paese lotta per superare la crisi del nuovo coronavirus che ha provocato finora 304 vittime. Le operazioni, ha spiegato la Peoplès Bank of China in una nota, avverranno domani quando riapriranno i mercati finanziari dopo la lunga pausa del Capodanno lunare. Le operazioni, ha spiegato la Banca centrale, avverranno con la formula del «riacquisto inverso» («reverse repo»), vale a dire attraverso l'acquisto di asset sui mercati con l'accordo sulla loro rivendita a un prezzo più alto in futuro predeterminato. Lo scopo, come ripetuto più volte negli ultimi giorni, è di mantenere una «ragionevole e abbondante liquidità» nel sistema bancario, nonché di garantire la stabilità dei mercati valutari, nel bel mezzo delle turbolenze causate dal nuovo coronavirus. Alla riapertura dei listini azionari dopo la lunga pausa del Capodanno lunare, le Borse di Taiwan e Hong Kong hanno subito pesanti perdite scontando i timori legati all'epidemia.
Ultimo aggiornamento: Domenica 2 Febbraio 2020, 13:12
© RIPRODUZIONE RISERVATA