Chiama la polizia 2.060 volte in 9 giorni solo per urlargli contro e insultarli: arrestato

Le molestie alla stazione di polizia sono avvenute tra il 30 settembre e l'8 ottobre. Ha chiamato 2.060 volte, il che equivale a circa una chiamata ogni sei minuti

Chiama la polizia 2.060 volte in 9 giorni solo per urlargli contro e insultarli: arrestato

Un uomo è stato arrestato con l'accusa di molestie, per aver effettuato 2.060 chiamate in 9 giorni alla stazione di polizia, solo per urlare contro gli agenti. È successo a Saitama, in Giappone. «Dovete essere licenziati», urlava l'uomo agli ufficiali che rispondevano alle sue chiamate. 

Si scatta un selfie prima di morire, la 22enne vittima di un incidente in aereo. La foto condivisa sui social: «Ciao»

OnlyFans, Rebecca Goodwin: «Guadagno 100 mila sterline al mese, gli uomini mi chiedono di inviargli la biancheria sporca»

Una chiamata ogni 6 minuti

L'uomo arrestato è un 67enne residente a Kawagachi. Le molestie alla stazione di polizia sono avvenute tra il 30 settembre e l'8 ottobre. Ha chiamato 2.060 volte, il che equivale a circa una chiamata ogni sei minuti. La polizia ha detto di aver perso circa 27 ore al telefono con il molestatore, abbastanza per affermare che l'uomo è colpevole anche di intralcio alla giustizia, oltre che di molestie. Al telefono urlava frasi come «ladri di tasse» o «grandi stupidi stronzi». 

È stato arrestato il 28 novembre e ha confessato il crimine dopo l'interrogatorio della polizia. Dopo il suo arresto, ha detto: «Sapevo che un giorno la polizia sarebbe venuta a prendermi». La polizia ha sequestrato i suoi tabulati telefonici e sospetta che l'uomo possa aver fatto chiamate simili per anni, ma che abbia iniziato a intensificare i suoi sforzi negli ultimi mesi.


Ultimo aggiornamento: Lunedì 5 Dicembre 2022, 22:37
© RIPRODUZIONE RISERVATA