Cameriera evira il suo datore di lavoro dopo il tentato stupro: «Non ce la facevo più»

Cameriera evira il suo datore di lavoro dopo il tentato stupro: «Non ce la facevo più»

Taglia il pene al datore di lavoro dopo che lui abusa di lei. Una cameriera avrebbe tagliato i genitali al suo datore di lavoro a Sant Andreu de la Barca, piccolo comune catalano non lontano da Barcellona, dopo che l'uomo si sarebbe approfittato di lei.

Leggi anche > Giornalista fa sesso in onda durante un servizio su club di scambisti: «Era per mimetizzarmi tra loro»

A lanciare l'allarme è stato l'uomo che, sanguinante, si è recato presso la più vicina stazione di polizia e ha spiegato quello che era successo. Poco dopo è stato raggiunto anche dalla 40enne che ha confermato i fatti aggiungendo però che lui avrebbe provato a stuprarla. La donna, originaria del Bangladesh come il suo superiore, è stata fermata con l'accusa di lesioni. L'uomo è stato invece portato in ospedale a L'Hospitalet de Llobregat da un'ambulanza del Sistema de Emergencias Médicas (SEM) e operato d'urgenza.

La vicenda deve ancora essere chiarita. Per ora la donna resta in carcere e l'uomo rischia la condanna proprio per abusi. La cameriera ha spiegato di essere stata costretta in più occasioni ad avere rapporti sessuali con il capo senza il suo consenso e all'ennesimo tentativo ha reagito evirandolo.


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 2 Giugno 2021, 23:08
© RIPRODUZIONE RISERVATA