«Troppo caldo»: si tuffa nel fiume e muore a 16 anni. L'appello: «Resistete alla tentazione»

Dopo tre ore di ricerche i sommozzatori hanno fatto la tragica scoperta e sui social la polizia lancia un appello alla popolazione

«È troppo caldo»: si tuffa nel fiume e muore a 16 anni. La polizia lancia un appello: «Resistete alla tentazione»

Un ragazzo di 16 anni è morto dopo aver deciso di tuffarsi nel fiume per trovare un po' di refigerio. Il caldo torrido è giunto anche nel Regno Unito, dove raramente le colonnine dei termometri segnano certe cifre e i cittadini cercano di combattere l'afa in tutti i modi. A Manchester le temperature hanno toccato i 27 gradi e il giovane ha deciso di fare una nuotata a Salford Quays, ma il suo bagno rinfrescante si è trasformato in tragedia.  

Leggi anche > Donna cade nel lago del campo di golf e viene sbranata da due alligatori 

L'allarme

I soccorritori hanno ricevuto l'allarme nel pomeriggio di ieri, sabato 16 luglio, intorno alle 18:15 dopo che i passanti hanno avvistato un nuotatore in difficoltà. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco, la polizia e i sanitari. Ma le ricerche hanno richiesto l'intervento anche di una squadra specializzata di sommozzatori con il compito di setacciare il fondale del fiume. 

La tragica scoperta

Gli loro sforzi dei soccorritori si sono conclusi con una tragica scoperta. Dopo circa tre ore e mezzo di ricerche, la polizia di Greater Manchester ha comunicato che gli equipaggi avevano trovato il corpo della vittima.
Oggi, un portavoce delle forze armate ha rivelato che si ritiene che il corpo sia quello del ragazzo di 16 anni che è stato visto l'ultima volta lottare in acqua dopo aver nuotato con gli amici.

L'identità è ancora sconosciuta

La polizia di Greater Manchester ha comunicato che la famiglia è stata informata dell'accaduto, ma l'identità del giovane è ancora sconosciuta. «La sua famiglia è stata avvisata ed è assistita da ufficiali appositamente addestrati in questo momento estremamente angosciante. Le indagini sono in corso ma gli investigatori del CID di Swinton sono, in questa fase, fiduciosi che non ci siano circostanze sospette e un fascicolo è prepararsi per il medico legale».

«Evitate la tentazione»

Infine un appello ai cittadini. Dopo aver informato del recupero del giovane morto nelle acque del fiume, la polizia ha voluto lanciare un appello ai cittadini che potrebbero cadere in tentazione di rinfrescarsi dal caldo torrido con un tuffo nelle acque libere del fiume. «I nostri pensieri, in questo momento terribile, sono con la famiglia del ragazzo che è supportata dai nostri ufficiali a #Salford - scrivono su Twitter gli agenti -. Ma ricordatevi di evitare la tentazione di rinfrescarvi nelle acque libere del fiume. Tutti noi vogliamo combattere il caldo, ma fatelo in sicurezza. Pensate alla vostra famiglia e state attenti ai vostri amici».


Ultimo aggiornamento: Lunedì 18 Luglio 2022, 18:41
© RIPRODUZIONE RISERVATA