Boris Johnson, terza dose per gli over 50: il piano invernale anti covid. «Così potremo convivere senza restrizioni»

Boris Johnson, terza dose per gli over 50: il piano invernale anti covid. «Così potremo convivere senza restrizioni»

Ancora novità per l'Inghilterra. Entro Natale, sarà effettuato un terzo richiamo del vaccino anti covid per tutti gli over 50, a partire dagli ultraottantenni e dai soggetti vulnerabili. È la decisione presa dal primo ministro Boris Johnson per far fronte al nuovo inverno, evitando nuovamente l'aumento dei casi covid.

 

 

Leggi anche - Boris Jonhson, morta la mamma Charlotte Johnson-Wahl: aveva 79 anni, era malata da tempo

 

Inoltre, è stata approvata anche la somminsitrazione del vaccino per i giovani dai 12 ai 15 anni, così da ridurre i tassi di contagio nelle scuole e impedire ulteriori chiusure nei mesi più freddi. Il professor Chris Whitty, esperto medico del governo inglese, ha affermato che con questa decisione, si «ridurrà» il rischio di chiusura delle scuole, ma non è del tutto escluso che possa verificarsi. «Sicuramente sarà uno strumento aggiuntivo importante - dice - e utile per ridurre gli impatti sulla salute pubblica che derivano dall'interruzione dell'istruzione». 

Da quanto riporto il The Guardian, la decisione di dare una terza dose agli over 50 è stata definita «una scelta efficace», in particolare gli scienziati ritengono che il Pfizer sia il richiamo più efficace, indipendentemente da ciò che le persone avevano nelle prime due precedenti vaccinazioni.

 

Johnson, prima di approvare il nuovo piano per l'inverno, ha dichiarato: «La pandemia è tutt'altro che finita. Ma grazie al nostro fenomenale programma di vaccini, ai nuovi trattamenti e ai test, siamo in grado di convivere con il virus senza restrizioni significative alle nostre libertà. Oggi esporrò un piano chiaro per l'autunno e l'inverno, periodo in cui il virus ha un vantaggio naturale, per proteggere i sacrifici che abbiamo fatto».

 

Il prof Whitty ha aggiunto: «Chiunque crede che il grande rischio del Covid sia nel passato, non ha capito dove stiamo andando: in autunno e in inverno continueranno ad esserci sfide».

 


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 15 Settembre 2021, 22:26
© RIPRODUZIONE RISERVATA