Bimba di 6 anni uccisa dalla matrigna a colpi di cintura: «L'ho punita per aver fatto pipì a letto»
di Alessia Strinati

Bimba di 6 anni uccisa dalla matrigna a colpi di cintura: «L'ho punita per aver fatto pipì a letto»

Una bimba di 6 anni è stata picchiata a morte dalla matrigna per aver fatto la pipì a letto. La piccola è stata colpita con una cintura borchiata dalla sua matrigna, Jessica Bundren, di 40 anni mentre si trovavano nella loro casa di  Brazos, in Texas. Non è chiaro se la piccola sia morta sul colpo o dopo qualche ora dall'aggressione.

 

Leggi anche > Mamma uccide le sue gemelline e si suicida: «Era in causa col marito per la loro custodia legale»

 

A fare la scoperta choc è stata la polizia che ha trovato il corpicino a terra ormai privo di vita, coperta solo da un lenzuolo piena di lividi su volto, sulle braccia e anche sul resto del corpo. Alcuni dei lividi risalgono a qualche giorno fa, quindi secondo i medici sarebbe stata già in passato vittima di violenze. La matrigna ha spiegato alla polizia che la bambina era caduta dal letto mentre dormiva e che poi aveva deciso di lasciarla in terra visto che aveva bagnato il letto facendoci pipì. La donna ha però spiegato di non aver capito perché avesse smesso di respirare.

 

Durante la perquisizione nell'appartamento gli agenti hanno trovato la cinta con le borchie e hanno collegato i segni sul corpo all'oggetto, così per la 40enne sono scattate le manette. Dopo un lungo interrogatorio ha ammesso di aver punito la bimba colpendola ripetutamente con la cintura: «L’ho colpita sei volte, una per ogni anno della sua vita».


Ultimo aggiornamento: Venerdì 30 Ottobre 2020, 15:47
© RIPRODUZIONE RISERVATA