Bambino di 7 anni scrive una lettera alla Regina, la risposta della sovrana spedita il giorno della sua morte

Charlie, un bambino di Ilford, riceve la lettera di Elisabetta II spedita il giorno in cui l'Inghilterra perde la monarca

Bambino di 7 anni scrive una lettera alla Regina, la risposta della sovrana spedita il giorno della sua morte

Il giorno più triste per il Regno Unito resterà nella memoria di un bambino di 7 anni. Mentre gli inglesi stavano piangendo alla notizia della morte di Elisabetta II, una lettera scritta dalla mano della Regina veniva spedita per raggiungere Charlie, un bimbo di Ilford, a est di Londra. Il bambino, infatti, aveva deciso di scrivere a Sua Maestà per farle i complimenti per i 70 anni di regno, il Giubileo, festeggiato lo scorso giugno. Ed Elisabetta II gli aveva risposto.

Regina Elisabetta, la Russia esclusa dai funerali protesta: «Decisione immorale e blasfema»

 

 

La meraviglia di Charlie

Alla meraviglia di Charlie, che tra la sue mani teneva una lettera con la cifra reale ER, in rilievo in oro, ha dovuto dare spiegazioni, sua mamma. «Ho dovuto dire, 'in realtà viene da Buckingham Palace, non sono io che fingo», ha detto Gemma Berg, all'emittente inglese BBC.

Purtroppo, però, Gemma ha dovuto anche dire a suo figlio Charlie, la notizia più brutta. «Charile era così triste quando gli ho detto che la regina era morta. Ha detto che sperava che avesse letto la sua lettera prima di morire».

Nella lettera reale c'era anche una foto della monarca, che sfoggiava un velo di seta e un cappotto e poi c'era scritta un nota di ringraziamento per il «gentile messaggio in occasione del settantesimo anniversario della mia ascesa al trono». E poi ancora un'altra sorpresa.

Re Carlo, tutte pazze per la nuova guardia: il maggiore Johnny Thompson ruba la scena... e l'occhio

 

Spedita nel giorno della morte

«È stato così emozionante e davvero speciale da ricevere, e ancora di più quando abbiamo notato che è stata inviata il giorno in cui la regina era morta» ha aggiunto la mamma, raccontando la storia alla BBC. Charlie, poi ha chiesto al preside della sua scuola, di poter condividere questo evento così emozionante anche con i suoi compagni di classe. Ed ovviamente il dirigente ha acconsentito.


Ultimo aggiornamento: Lunedì 19 Settembre 2022, 08:19
© RIPRODUZIONE RISERVATA