Bambino autistico insultato da un passeggero: «Su questo treno vietati i cani». Il racconto choc della mamma
di Domenico Zurlo

Bambino autistico insultato da un passeggero: «Su questo treno vietati i cani». Il racconto choc della mamma

Un episodio terribile ai danni di un bambino autistico: il protagonista ha solo sette anni e si chiama Reace Mercedes, e un ragazzino di 14 si è rivolto a lui e a sua madre in maniera inaccettabile. Lo racconta il quotidiano britannico Daily Record, secondo cui ora il bambino non vuole più uscire di casa: lui e sua madre si trovavano su un treno, quando il 14enne parlando con la mamma Christina le ha detto «non sa che su questo treno non sono ammessi i cani?».

Leggi anche > Ha un infarto in strada, dipendente della Croce Rossa gli salva la vita

Il bambino era infatti legato a delle 'redini' al suo zaino, in modo da permettere a sua madre di tenerlo in sicurezza in casi di emergenza. La stessa mamma, 33 anni, che vive in Scozia, ha raccontato che il ragazzino aveva guardato suo figlio «con disgusto», rivolgendo a entrambi una frase «arrogante e maleducata». Il piccolo Reace, davanti a questa frase, ha reagito quasi incredulo: «Mamma, perché quel ragazzo ha detto così? - avrebbe detto a sua madre - io non sono un cane».

Leggi anche > Bimba di 5 anni massacrata a coltellate: killer rischia linciaggio

Reace, che soffre anche di difficoltà di apprendimento e di ADHD (Sindrome da Deficit di Attenzione e Iperattività), si è agitato e si rifiutava di tornare a casa con la mamma: adesso non vuole più uscire di casa. «Mi ha fatto arrabbiare così tanto - le parole di Christina - Come osa insultare mio figlio senza una ragione? Il suo commento maleducato ha influenzato il mio bambino in modi che non immagina nemmeno». Quelle redini, spiega sua madre, servono «a tenerlo vicino a me. Altrimenti si sente in pericolo e cerca di scappare». 

«Credo sia per questo che quel ragazzino lo ha paragonato ad un cane, lo ha paragonato ad un guinzaglio: ma il modo in cui lo ha detto e in cui lo guardava, era disgustoso». Il piccolo Reace ha capito tutto, ma non si riusciva a spiegare il perché di quel paragone con i cani. «Era stata una giornata bellissima, eravamo a poche fermate di viaggio da casa, e quel commento ha rovinato tutto - conclude la mamma - ora mio figlio non vuole più uscire in pubblico».
Ultimo aggiornamento: Giovedì 31 Ottobre 2019, 14:39
© RIPRODUZIONE RISERVATA