Fa il bagno al lago, un'ameba gli divora il cervello e muore pochi giorni dopo
di Alessia Strinati

Fa il bagno al lago, un'ameba gli divora il cervello e muore pochi giorni dopo

Una ameba gli mangia il cervello dopo aver nuotato in un lago e muore. Eddie Gray, un uomo di 59 anni della Carolina del Nord era andato a nuotare in un lago artificiale quando ha contratto la Naegleria fowleri conosciuta anche come "ameba mangia cervello".

EDIT 28/7/209 ORE 10 - Nella prima stesura dell'articolo - erroneamente - abbiamo usato come sinonimo le parole "ameba" e "batterio". Più precisamente la Naegleria fowleri è un protozoo, conosciuto come "ameba mangia cervello". Il parassita scatena la "meningoencefalite amebica primaria", che colpisce il sistema nervoso centrale. Se ingerito non è pericoloso, mentre diventa potenzialmente letale se inalato, come nel caso di Eddie Gray. Ci scusiamo per l'imprecisione che abbiamo provveduto a correggere


Meteo, allerta Protezione Civile: arriva il maltempo con temporali, grandine e crollo delle temperature
Biglietto in sospeso per il bus, l'idea di una bimba morta di cancro diventa realtà in Est Europa




Questa ameba entra dal naso e risalendo il nervo olfattivo arriva fino al cervello dove si stanzia e inizia a mangiarlo. L'ameba inizia a distruggere il tessuto cerebrale provocando un'infezione che si chiama meningoencefalite amebica primaria. Eddie era stato al Fantasy Lake Water Park, nella contea di Cumberland, e dopo qualche settimana ha iniziato a stare male. Purtroppo i medici non sono riusciti a salvarlo, come riporta la stampa locale, ed è morto poco dopo il ricovero.

La ameba è completamente innocua se ingerita, ma se inalata, come nel caso delle immersioni può essere mortale.I primi sintomi dell’infezione possono includere mal di testa, nausea e vomito, la malattia progredisce rapidamente rendendo anche difficile la diagnosi. La Naegleria fowleri si trova in acque dolci.
Ultimo aggiornamento: Domenica 28 Luglio 2019, 11:25
© RIPRODUZIONE RISERVATA