Baby Curtis è il neonato prematuro da record: nato a 21 settimane e 1 giorno in Alabama

Baby Curtis è il neonato prematuro da record: nato a 21 settimane e 1 giorno in Alabama

Pesava solo 420 grammi e aveva meno dell'1% di possibilità di sopravvivenza

Va a un bambino degli Stati Uniti il record del neonato più prematuro al mondo. Si chiama Curtis Means, oggi ha 16 mesi, ed è ufficialmente il bambino più prematuro ad essere sopravvissuto. A certificarlo è il Guinness World Records. Curtis è nato a 21 settimane di gestazione e 1 giorno, praticamente la metà di una gravidanza normale, a Birmingham in Alabama (Usa). Pesava solo 420 grammi e aveva meno dell'1% di possibilità di sopravvivenza.

 

Leggi anche > Giappone, il treno arriva in ritardo di un minuto: decurtato lo stipendio al macchinista

 

Baby Curtis ha ridotto di 24 ore il record precedente, detenuto da un bambino del Wisconsin, Richard Hutchinson, nato appena un mese prima a 21 settimane e 2 giorni, riferisce la 'Bbc' online. Prima di Richard, il primato di bebè più prematuro di sempre era rimasto imbattuto per 34 anni (lo deteneva un bambino nato a Ottawa, in Canada, a 21 settimane e 5 giorni). Una gravidanza a termine è di solito di 40 settimane, Curtis è nato quasi 19 settimane prima. La mamma, Michelle Butler, è entrata in travaglio ed è stata ricoverata d'urgenza in ospedale il 4 luglio 2020 mentre i fuochi d'artificio del Giorno dell'Indipendenza americana riempivano il cielo notturno.

 

Michelle ha dato alla luce due gemelli, Curtis e C'Asya, all'ora di pranzo del giorno successivo. C'Asya non ce l'ha fatta. E Curtis si è aggrappato a quel briciolo di possibilità di sopravvivenza, meno dell'1%. Il ventilatore gli è stato tolto dopo 3 mesi e ad aprile di quest'anno, dopo 275 giorni di ospedale, è stato dimesso. Curtis ha 3 fratelli maggiori, ha ancora bisogno di ossigeno supplementare e di un sondino per l'alimentazione, ma i medici dicono che è in buona salute. In 20 anni di attività «non ho mai visto un bambino così giovane essere forte come lui. Qualcosa di speciale», ha dichiarato al Guinness World Records Brian Sims, neonatologo dell'University of Alabama a Birmingham.

 


Ultimo aggiornamento: Giovedì 11 Novembre 2021, 20:13
© RIPRODUZIONE RISERVATA