Azienda offre 110mila euro ai medici di base per vaccinare i suoi dipendenti. «Vuole saltare la fila»

Azienda offre 110mila euro ai medici di base per vaccinare i suoi dipendenti. «Vuole saltare la fila»

di E.C.

Una società ha offerto ai medici di base oltre 110mila euro per vaccinare i suoi dipendenti. Secondo quanto riferito, in Inghilterra l'Hacking Trust avrebbe inviato un'e-mail agli ambulatori del NHS (National Health Service) offrendo una "ricompensa" per la vaccinazione del suo personale "in prima linea". La società di investimento immobiliare, di Wandsworth, nel sud di Londra, ha detto che avrebbe pagato oltre 5mila euro per ogni vaccino dato ai suoi lavoratori, secondo un'e-mail pubblicata in esclusiva dal The Telegraph. L'Hacking Trust si è presentata come una società privata che sta cercando di vaccinare il suo personale in prima linea il più rapidamente possibile.



L'e-mail diceva: «Abbiamo bisogno di circa 20 vaccinazioni e sappiamo che stai gestendo un centro di vaccinazione Covid-19». L'azienda ha detto che avrebbe donato la somma di oltre 5mila euro come donazione direttamente all'ambulatorio o ai membri del personale, ma ha alimentato i timori di un mercato nero per i vaccini. Un portavoce ha detto: «L'Hacking Health Trust ha offerto ad alcuni medici generici dei soldi per utilizzare per i propri dipententi eventuali vaccini non utilizzati». L'azienda spiega: «Avevamo sentito dire che alcuni vaccini erano inutilizzati a causa di appuntamenti mancati. Ci scusiamo se le nostre buone intenzioni sono state interpretate male». L'e-mail è stata inviata ad altri ambulatori medici tra cui uno a Worthing, West Sussex, secondo i rapporti.

Robyn Clark, direttore dell'Institute for General Practice Management, che rappresenta i manager degli studi medici del NHS, ha dichiarato: «Siamo sconvolti questa azienda sostanzialmente pagando voleva saltare la fila».


Ultimo aggiornamento: Sabato 9 Gennaio 2021, 11:06
© RIPRODUZIONE RISERVATA