Smantellata rete globale di pedofilia e pedopornografia: salvati 46 bambini finiti nell'incubo
di Nico Riva

Australia, smantellata rete globale di pedofilia e pedopornografia: salvati 46 bambini finiti nell'incubo

La polizia ha tratto in salvo 46 bambini vittime di una rete globale di pedofilia e pedopornografia con sede in Australia. 14 le persone finite con le manette ai polsi. La maggior parte sono uomini delle regioni australiane del Nuovo Galles del Sud, Queens e Australia Occidentale, tra cui un ex allenatore di calcio e un assistente infantile. Ma sono coinvolti anche americani, europei ed asiatici. Le vittime hanno tra i 16 mesi e i 15 anni. 

 

Leggi anche > «Io violentata dal prete durante le vacanze con l'oratorio»: la curia di Milano avvia un'indagine

 

La Polizia Federale Australiana (AFP) li ha arrestati con le pesantissime accuse di abusi su minori, bestialità, produzione e condivisione di materiale pedopornografico, attraverso un giro online che comprende anche Stati Uniti, Asia, Europa, Canada e Nuova Zelanda. Gli agenti sono convinti che si tratti di una delle reti criminali più grandi mai scoperte in Australia

A scioccare gli investigatori è stata anche la scoperta che i criminali si scambiassero il materiale non solo sul dark web, ma anche attraverso i canali "normali" su internet. Poche settimane fa, la polizia australiana aveva individuato altri 44 uomini in possesso di materiale pedopornografico, al termine di un'indagine separata durata un anno.


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 11 Novembre 2020, 15:29
© RIPRODUZIONE RISERVATA