Archie Battersbee, 12 anni, un'udienza urgente per tenerlo ancora in vita: cosa sta succedendo

Dopo il ricorso del Comitato Onu per i diritti delle persone con disabilità (Unrpd), i giudici prendono tempo e rivalutano il caso

Archie Battersbee, 12 anni, un'udienza urgente per tenerlo ancora in vita: cosa sta succedendo

Archie Battersbee, convocata un'udienza urgente della Corte d'Appello britannica. Si tratta dell'ultimo, disperato tentativo per tenere il 12enne inglese, in coma da mesi, ancora in vita.

Archie, sarà interrotta la ventilazione artificiale che lo mantiene in vita. I genitori si oppongono, malore per il papà

Archie Battersbee, il ricorso e l'udienza

Contro la decisione di staccare la spina al dodicenne inglese ha fatto ricorso il Comitato Onu per i diritti delle persone con disabilità (Unrpd). Ai giudici è stato chiesto di riconsiderare urgentemente il caso, continuando nel frattempo a curare il bambino. In tre diversi gradi di giustizia, i giudici avevano disposto di staccare la spina dei macchinari che consentono la ventilazione assistita. Il tutto, contro la volontà dei genitori.

 

Archie Battersbee, ore decisive

Inizialmente, quanto disposto dai giudici britannici doveva essere messo in pratica intorno alle 14 di oggi, ora locale (ore 15 in Italia). Il ricorso dell'Unrpd ha però permesso di guadagnare tempo, in attesa dell'esito dell'udienza urgente della Corte d'Appello. Lo riporta la BBC.

Il dramma di Archie

Archie Battersbee è ricoverato al London Royal Hospital, in coma, sin dall'aprile scorso. Il 12enne era stato trovato privo di sensi, in casa, dai genitori. La madre lo aveva scoperto impiccato ad una corda, tentando subito di soccorrerlo e rianimarlo, ma la mancanza prolungata di ossigeno aveva provocato danni irreparabili al cervello. Ancora ignote le motivazioni del gesto, anche se Hollie, la mamma di Archie, sostiene che si sia trattato del 'blackout', una sfida estrema lanciata sui social.


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 3 Agosto 2022, 12:33
© RIPRODUZIONE RISERVATA