Archie Battersbee, eseguita l'autopsia sul corpo del 12enne: «Morto per gravi lesioni cerebrali»

Il ragazzo, in coma dal 7 aprile, era stato tenuto in vita per volere della famiglia grazie al supporto delle macchine

Video

I medici hanno eseguito l'autopsia sul corpo di Archie Battersbee, il 12enne morto dopo una lunga battaglia legale della famiglia. Il ragazzo era andato in coma lo scorso 7 aprile, ma per i medici le sue condizioni erano irreversibili, per questo hanno chiesto e ottenuto da un magistrato di poter staccare le macchine che lo tenevano in vita.

Leggi anche> Calciatore lascia la carriera a 23 anni per donare il fegato alla mamma malata FOTO

Leggi anche > Mamma muore durante il volo aereo davanti ai suoi figli, pensavano stesse solo dormendo

Nonostante fosse stato dichiarato morto pochi giorni dopo il suo ricovero ha continuato a respirare, alimentato dai macchinari del London Royal Hospital fino al 6 agosto scorso. Archie era stato trovato in casa dalla madre privo di sensi, probabilmente dopo aver tentato di replicare una sfida vista sui social.

Dopo il decesso è stata disposta l'autopsia sul corpo del 12enne che ha mostrato che la causa della morte starebbe in una grave lesione cerebrale. Subito dopo il ricovero i medici avevano detto ai familiari che un intervento non avrebbe cambiato le condizioni di Archie, perché appunto troppo gravi e di fatto poco dopo ne è stata dichiarata la morte cerebrale.

 

I genitori avrebbero voluto per il figlio una morte naturale, considerata però dai medici e dai giudici impossibile viste le sue condizioni e il fatto che era tenuto in vita proprio dalle macchine. Secondo quanto riportato dalla mamma Archie avrebbe continuato a respirare per due ore in modo autonomo dopo la sospensione delle cure. 


Ultimo aggiornamento: Domenica 14 Agosto 2022, 12:54
© RIPRODUZIONE RISERVATA