Arabia Saudita, sparatoria vicino al palazzo reale: il re nascosto in un bunker. Tutta colpa di un drone

Arabia Saudita, sparatoria vicino al palazzo reale: il re nascosto in un bunker. Tutta colpa di un drone
Sparatoria a Riad, capitale dell'Arabia Saudita, nella zona del palazzo reale. Il re Salman sarebbe stato allontanato e nascosto in un bunker militare protetto: è quanto afferma il Jerusalem Post citando diversi tweet e video postati sui social e precisando che si tratta di fonti per il momento non verificabili.

Su Twitter circolano video che mostrano luci lampeggianti della polizia in lontananza e rumore di raffiche, senza che si veda alcunché di quanto sta accadendo. Secondo le informazioni non verificate che circolano, l'iniziale timore di un possibile colpo di stato o di un attacco terroristico si è spento quando alcuni twittatori hanno iniziato a parlare di un piccolo drone abbattuto a fucilate dalle forze di sicurezza.

Fonti ufficiali citate dall'agenzia ufficiale saudita Spa e riportate da diversi media affermano che erano diretti contro un drone giocattolo, che si avvicinava alla zona di palazzo reale a Riad, le intense raffiche di arma da fuoco, sparate dalla polizia, che per molti minuti hanno fatto tenere un colpo di stato o un attacco. Tanto da aver costretto la guardia reale a portare re Salman al sicuro in un bunker. Allarme cessato, dunque, anche se gli spari, malgrado l'incerta provenienza delle informazioni iniziali, ci sono stati.

Ultimo aggiornamento: Sabato 21 Aprile 2018, 23:04
© RIPRODUZIONE RISERVATA