Alfie, il giudice ha deciso: «Può tornare a casa, ma non in Italia». I medici frenano, al Bambin Gesù pronti a partire

L'Italia è pronta ad accoglierlo, ma la giustizia britannica ribadisce il suo 'no'. Arriva stasera da Manchester, sede dell'ennesima udienza straordinaria sul caso, l'ultima doccia fredda per i genitori del piccolo Alfie Evans: che nella sua stanza dell'Alder Hey Hospital di Liverpool non s'arrende e continua a respirare da ore, con la spina ormai staccata, in barba a tutte le previsioni. Una resistenza inattesa che alimenta le polemiche, nel Regno e soprattutto in Italia, costringendo la magistratura a riesaminare il dossier. Senza produrre però, almeno all'apparenza, cambiamenti sostanziali. 

Alfie Evans, una malattia irreversibile: ma è impossibile dire quanto potrà sopravvivere


Il giudice d'appello dell'Alta Corte britannica Anthony Hayden, l'uomo che nei giorni scorsi aveva dato il via libera ad interrompere il sostegno alle funzioni vitali a questo bambino di 23 mesi colpito da una grave patologia neurodegenerativa mai diagnosticata esattamente, alla fine non torna sui suoi passi, salvo che su un punto. Chiede ai responsabili dell'Alder Hay di valutare se consentire a mamma Kate e papà Tom, protagonisti 20enni d'una battaglia sempre più straziante, di riportare a casa il loro bambino. Ma non apre alcuno spiraglio alla loro rinnovata istanza di trasferirlo in Italia: né al Bambin Gesù di Roma, né al Gaslini di Genova, entrambi pronti a continuare a garantire quell'assistenza che viceversa i medici di Liverpool giudicano da tempo «inutile». 



«Alfie respira da solo»: i genitori pubblicano foto su Instagram dopo il distacco dei macchinari

Rimane così sulla pista l'aereo ambulanza messo a disposizione della titolare della Difesa, Roberta Pinotti, dopo la concessione della cittadinanza italiana ad Alfie «per motivi umanitari» formalizzata oggi dal Consiglio dei Ministri. Un passo che il mondo politico romano apprezza pressoché all'unanimità, mentre anche il Vaticano prova a tessere la sua tela. E spinge alcune forze a rilanciare: dalla Lega di Matteo Salvini, che presenta una mozione in parlamento per «salvare Alfie»; a Gianni Alemanno che arriva addirittura a evocare la rottura delle relazioni diplomatiche con Londra. Il nodo sembra essere peraltro inestricabile. 

Il giudice autorizza il distacco dai macchinari

Per le autorità britanniche, la cittadinanza italiana non cambia il fatto che Alfie Evans resta anche suddito del Regno, soggetto delle sentenze delle corti di Sua Maestà e delle valutazioni dei medici dell'ospedale in cui è ricoverato in territorio britannico. Medici fermi sulle loro scelte anche nella risposta di oggi al giudice sull'ipotetico ritorno a casa del piccolo: «Ci vorranno almeno 3-5 giorni» per valutare la cosa, fa sapere il team che lo ha avuto in cura in questi mesi. Sempre che Alfie sopravviva ancora, col solo ausilio intermittente d'idratazione e bombole d'ossigeno. 



Comunque «al momento nulla è possibile» a causa della pretesa «ostilità» dei manifestanti che sostengono la battaglia dei genitori accampati fuori dall'Alder Hey sotto la sorveglianza di uno schieramento di polizia, insistono, aggiungendo di avere «sinceramente paura». Sul banco degli imputati ecco salire così «alcune delle persone che sono intorno ai genitori»: accusate di dare «false speranze» pure dal giudice Hayden, che parla di clima «profondamente deprimente» e arriva a bollare come «fanatico e illuso» uno degli attivisti del gruppo di sostegno denominato Alfie's Army. 
 
 

Sul fronte opposto la replica - prima ancora che da attivisti, organizzazioni cristiane ed esponenti politici, britannici o italiani che siano - arriva d'altronde dagli stessi papà Tom e mamma Kate. Consapevoli, non lo hanno mai negato, dei danni irreparabili al cervello di Alfie, ma convinti oggi più che mai - dopo 19 ore in cui il piccolo ha continuato per lunghi tratti a respirare placidamente anche senza assistenza meccanica, a dispetto dei dottori che s'attendevano si spegnesse «in pochi minuti» - che non sia «terminale». E «non soffra» per il prolungamento di quella terapia che all'Alder si è stabilito di sospendere in nome del suo asserito «miglior interesse». Un bambino malato certo, chiosa il presidente della Croce Rossa Italiana, Francesco Rocca: ma che come tutti i bimbi, non solo il principino nato ieri in casa Windsor, avrebbe diritto di essere trattato fino all'ultimo «come un Royal Baby».​​
Martedì 24 Aprile 2018 - Ultimo aggiornamento: 20:57
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2018-04-24 19:34:24
Ma chi siamo noi essere umani x decidere se staccare o meno una spina??
2018-04-24 15:39:38
Accanimento terapeutico senza senso di una povera creatura ormai ridotta ad un vegetale...manovre politiche solo per accaparrarsi un po’ di voti alle elezioni ormai alle porte ... preferisco la coerenza inglese che l’ipocrisia Italiana serva del clero .
2018-04-24 13:47:39
Grandi i medici moderni!! Spero di morire in un incidente stradale piuttosto che finire in mano loro.
2018-04-24 12:53:26
Come sempre l'arroganza e la stupida mentalità britannica di essere migliori degli altri sta uccidendo un altro bambino. Più vivo in uk e più mi rendo conto di quanto siano schifosi gli inglesi.tornerò comunque presto in Italia
DALLA HOME