Afghanistan, torna il regime del terrore: i talebani avvertono «riprenderanno esecuzioni e amputazioni»

Afghanistan, torna il regime del terrore: i talebani avvertono «riprenderanno esecuzioni e amputazioni»

Tarabi, responsabile del sistema carcerario, ha dichiarato di voler reinserire le punizioni corporali per chi si macchierà di omicidio e furto

In Afghanistan tutto è pronto per tornare al regime del terrore. I talebani si preparano a riprendere le esecuzioni dei condannati e le amputazioni. Probabilmente non avverranno più in pubblico, ma i talebani sono pronti a ripristinare le esecuzioni per i condannati per omicidio e le amputazioni a mani e piedi per i condannati di furto.

 

Leggi anche > India, accusato di stupro: per sei mesi laverà e stirerà gli abiti di tutte le donne del villaggio. «È una decisione storica»

 

A dichiararlo è l'agenzia di stampa Associated Press Nooruddin Turabi, uno dei fondatori dell'organizzazione e responsabile dell'applicazione della legge islamica nel Paese durante il precedente governo dei mullah.

 

Turabi, uno dei dirigenti talebani compreso nella lista nera delle Nazioni Unite, è responsabile del sistema carcerario. Turabi ha respinto l'indignazione per le esecuzioni del passato, che a volte avevano luogo davanti alla folla in uno stadio, e ha messo in guardia il mondo contro qualsiasi interferenza con i nuovi padroni dell'Afghanistan. «Tutti ci hanno criticato per le punizioni allo stadio, ma noi non abbiamo mai detto nulla sulle loro leggi e sulle loro punizioni», ha dichiarato. 

 

«Nessuno ci dirà quali dovrebbero essere le nostre leggi. Seguiremo l'Islam e faremo le nostre leggi secondo il Corano - ha aggiunto -. Il taglio delle mani è molto necessario per la sicurezza e anche le donne staranno a queste punizioni». 

 

 


Ultimo aggiornamento: Venerdì 24 Settembre 2021, 22:43
© RIPRODUZIONE RISERVATA