Giovane paramedico molestata in ambulanza, la denuncia choc: «Abusi sessuali mentre andavamo in ospedale»
di Alessia Strinati

Giovane paramedico molestata in ambulanza, la denuncia choc: «Abusi sessuali mentre andavamo in ospedale»

Era dentro il vano posteriore di un'ambulanza con un paziente, ma l'uomo l'ha aggredita. Lizzie Smith ha raccontato di essere stata aggredita sessualmente da un uomo che stava trasportando in ospedale. La giovane donna, di Londra, ha raccontato che stava effettuando dei controlli sul paziente, coinvolto in una rissa, nel tragitto verso l'ospedale quando si è consumata la violenza. 

Leggi anche > Medico dell'ospedale arrestato per violenza sessuale su 5 pazienti: «Inventava patologie per ridurle in stato di choc»



La 25enne, che lavora come paramedico nelle ambulanze, ha deciso di denunciare l'accaduto: «Ero chinata su di lui per controllare i valori, quando ha iniziato a palparmi il sedere», ha raccontato alla stampa locale, «Mi sono sentita sconvolta, ma in quel momento non ho detto nulla». Lizzie ha fatto causa al paziente che è stato iscritto nel registro dei molestatori sessuali, e dove rimarrà per 5 anni.

La giovane ha però spiegato che non era la prima volta che si verificava un simile episodio, aggiungendo che sempre più persone molestano verbalmente e non il personale medico che li soccorre in ambulanza. «Spesso si tratta di effetti di un disturbo post traumatico», chiarisce, «ma fare questo lavoro non è facile».
Venerdì 15 Novembre 2019, 10:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA